Tribunale Unificato dei Brevetti

Brevetti e Tribunale Unificato: se ne è discusso in un convegno, presso la sala Salvadori della Camera dei Deputati, organizzato dall’onorevole Billi (Lega). Ecco il report di Radio Parlamentare

Programma di Formazione Digitale per l’Intergruppo Innovazione

Questa mattina, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del Programma di Formazione Digitale per l’Intergruppo Innovazione. Su iniziativa dell’onorevole Giulio Centemero (Lega), l’iniziativa è stata curata dalla Fondazione per la Sostenibilità Digitale. Nel video, il report di Radio Parlamentare.

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 4 luglio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

Ultima settimana per l’espressione dei pareri da parte delle Commissioni parlamentari in merito ai tre schemi di decreti legislativi di attuazione della delega sulla sanità animale, commercio e la detenzione di animali esotici. 

Continua nella Commissione Agricoltura del Senato l’iter del disegno di legge in materia di contrasto del bracconaggio ittico nelle acque interne.

Nella Commissione Affari sociali della Camera è ripreso l’iter della proposta di legge ( testo unico) in materia di disciplina delle attività funerarie, che al suo interno prevede anche norme in merito alla possibilità di poter tumulare i propri animali nel cimitero umani, all’interno nel proprio fornetto o tomba di famiglia.

Continua, purtroppo, l’accanimento dei Ministri dell’Agricoltura e della Transizione Ecologica, Patuanelli e Cingolani, nei confronti della fauna selvatica. E’ in lavorazione, infatti, un decreto legge dei due dicasteri che stravolgerà in peggio la legge 157/92, che permetterà ai cacciatori di uccidere qualsiasi specie selvatica. Si spera in un intervento “correttivo” del Parlamento in merito all’azione di questi due Ministri.

Buon ascolto…

PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA’ PERSONALE. LA RELAZIONE DEL GARANTE 2022.

Puntata di lunedì 27 giugno, ore 15.30

Con la sen. Bruna PIARULLI (M5S), membro della Commissione Giustizia del Senato.

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso 20 giugno il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, Mauro Palma, ha presentato al Parlamento la Relazione annuale 2022. In particolare, la Relazione ha messo in evidenza le “libertà negate in carcere”, soprattutto a seguito della pandemia. Ne abbiamo parlato in questo podcast con la senatrice Bruna Piarulli, membro della Commissione Giustizia del Senato.

Buon ascolto…

LE SFIDE DELL’AGRICOLTURA: INNOVAZIONE E RESPONSABILITA’.

Puntata di lunedì 27 giugno, ore 13.00

Con il sen. Ruggiero QUARTO (M5S), Commissione Ambiente del Senato e il prof. Gianni TAMINO, biologo, già professore all’Università di Padova.

L’agricoltura è il settore produttivo maggiormente responsabile dei cambiamenti climatici: per consumo del suolo e delle risorse idriche, per l’inquinamento causato da pesticidi e diserbanti, per l’utilizzo degli allevamenti intensivi. Non sarà facile modificare il sistema attuale e trovare ( nel breve periodo) un equo contemperamento tra le logiche produttive/economiche e quelle ambientali. Sappiamo, però, che dobbiamo creare un sistema ecologicamente sostenibile nel minore tempo possibile.

Da questo punto di vista, la tecnologia potrà essere un valido supporto per accelerare l’auspicata transizione green. Tuttavia, bisogna prestare attenzione ai richiami di quanti ritengono che la genetica tout court possa essere la panacea a tutti i nostri i problemi. Il principio di precauzione, come ci ha ricordato il prof. Gianni Tamino, deve essere sempre rispettato quando si cerca di manipolare la Natura, della cui complessità l’uomo ignora molti meccanismi. Stante questa premessa, il futuro della nostra agricoltura si chiama agroecologia, che racchiude in sé anche il concetto di agrobiodiversità.

Nell’ambito dell’agroecologia, l’agricoltura di precisione rappresenta la chiave di volta che può traghettarci nella direzione della transizione green. E proprio in queste ultime settimane siamo arrivati ad un punto di svolta importante, con l’approvazione nel decreto Pnrr- bis di un emendamento presentato dal senatore Ruggiero Quarto, un vero “guerriero” in Senato a tutela del nostro Pianeta. La sua perseveranza e competenza hanno reso possibile, in questa legislatura, il raggiungimento di grandi obiettivi. Nel caso specifico, l’emendamento approvato prevede l’emanazione di un decreto da parte del Ministero dell’Agricoltura (entro quattro mesi dalla conversione in legge del decreto), che dovrà individuare i casi e le condizioni tecniche di dettaglio per l’utilizzo dell’energia sostenibile e delle tecniche di agricoltura di precisione intelligenti, che contribuiscono alla riduzione delle emissioni di gas serra, alla decarbonizzazione e all’impiego sostenibile delle risorse naturali, oltre che ad un migliore uso delle matrici ambientali. Con l’agricoltura di precisione si potrà risparmiare il 30% di input agronomici (acqua, concimi, fitofarmaci e diserbanti), migliorando quantità e qualità della produzione.

Buon ascolto…

LO STUPRO COME ARMA DA GUERRA. IL SENATO APPROVA LA MOZIONE.

Puntata di lunedì 27 giugno, ore 11.00

Con la sen. Valeria FEDELI, capogruppo PD nella Commissione speciale diritti umani.

ASCOLTA IL PODCAST

La scorsa settimana il Senato ha approvato all’unanimità un’importante mozione, presentata su iniziativa della Commissione speciale per i diritti umani, che ha riconosciuto lo stupro nei contesti di guerra come crimine contro l’umanità e atto di natura genocidaria utilizzato come arma di guerra.

La mozione ha altresì richiesto l’aumento dei finanziamenti per il lavoro di indagine svolto dalla Corte penale di Strasburgo, nonché l’implementazione del fondo per la tutela delle vittime. Anche la Camera dei deputati sta predisponendo una mozione similare, in modo da conferire un mandato forte al Governo per intervenire su questa materia.

Di fronte all’orrore della guerra che imperversa in Ucraina e in tanti ( troppi) luoghi nel mondo, l’approvazione di questa mozione rappresenta un’importante presa di posizione contro gli stupri di massa ed a supporto delle vittime.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 27 giugno

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana.  Ultimi giorni per le Commissioni parlamentari di Camera e Senato per esprimere i pareri in merito alle bozze dei tre decreti legislativi riguardo il Regolamento europeo sulla sanità animale, le zoonosi e il commercio e la detenzione di animali esotici. Al riguardo, la Commissione Giustizia del Senato, che ha già emesso il parere, ha chiesto al Governo di rendere più efficaci le sanzioni.

Va avanti in Senato il disegno di legge per il contrasto del bracconaggio ittico: attesi questa settimana i pareri delle Commissioni Ambiente, Giustizia e Bilancio.

Sempre in Senato, l’Aula di Palazzo Madama è impegnata nell’approvazione della legge di delegazione europea 2021, all’interno della quale sono presenti norme che introducono facilitazioni per i farmaci animali.

Buon ascolto…

BREXIT: UN ANNO E MEZZO DOPO

Puntata di lunedì 27 giugno, ore 14.00

Con l’on. Simone BILLI (Lega), presidente del Comitato per gli italiani all’estero; Stefano POTORTì, presidente di Confassociazioni UK; Samantha DOBSON, Ceo di Del Vigna Dobson LTD.

ASCOLTA IL PODCAST

Domani, martedì 28 giugno, alle ore 12.00, presso la Sala Stampa della Camera dei deputati, si terrà una conferenza promossa dall’on. Simone Billi, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera, per fare il punto della situazione ad un anno e mezzo dalla Brexit.

A relazionare sugli effetti della brexit per la comunità italiana presente nel Regno Unito, ci saranno: il presidente di Uk Confederation by Confassociazioni, Stefano Potortì, Samantha Dobson Del Vigna, Ceo di Del Vigna Dobson LTD e Michele Ammirati, managing director Well Tax. In questo podcast abbiamo presentato gli argomenti della conferenza di domani, con alcune anticipazioni che l’on. Billi ci ha fornito in diretta dall’Ambasciata italiana a Londra in merito alle ultime decisione prese dalla rete consolare italiana in Gran Bretagna.

Sarà possibile seguire la diretta della conferenza stampa di domani a Montecitorio al seguente link: webtv.camera.it

I MINORI PRIMA DI TUTTO: LA RIFORMA DEL TRIBUNALE DELLA FAMIGLIA

Mercoledì 22 giungo, ore 16.30

logo

GLI EVENTI DI RADIO PALAMENTARE – Sala Nassirya del Senato ( 22/06/22)

Moderatrice: Cristina Del Tutto, direttore di Radio Parlamentare

INTERVENTI ( in ordine cronologico)

sen. Marco Perosino ( promotore dell’iniziativa); avv. Alberto Figone ( esperto di diritto minorile e delle relazioni familiari; avv. Sara Menichetti ( esperto di diritto minorile e delle relazioni familiari); on. Laura Cavandoli (presidente della Commissione d’inchiesta sulle comunità per minori); sen. Bruna Piarulli ( presidente della Commissione d’inchiesta sui fatto de “Il Forteto); sen. Fiammetta Modena ( membro della Commissione Giustizia del Senato); on. Francesco Paolo Sisto (Sottosegretario di Stato alla Giustizia)

ENERGIA 100% RINNOVABILE. È POSSIBILE?

Puntata di giovedì 23 giugno, ore 14.00

Con il senatore Pietro LOREFICE (M5S), membro della Commissione Affari dell’Unione Europea del Senato

ASCOLTA IL PODCAST

La scorsa settimana il senatore Pietro Lorefice si è fatto promotore in Senato di un convegno dal titolo: “Verso un sistema energetico nazionale 100% rinnovabile”. Nell’ambito di questo evento sono intervenuti esperti e player internazionali del settore, protagonisti di un confronto che ha trovato tutti d’accordo su un punto: attraverso una sinergia tra le diverse fonti green possiamo ambire a creare un sistema energetico 100% rinnovabile. L’unico ostacolo al raggiungimento di questo obiettivo, almeno in Italia, è la non volontà del decisore politico.

In questo difficile e complesso momento storico c’è chi sta utilizzando le fragilità e le paure dei cittadini per mettere in discussione il percorso della transizione ecologica, di cui quella energetica ne costituisce soltanto una parte, per mantenere le proprie posizioni di potere. È bene ricordare che la logica della transizione è dettata dai cambiamenti climatici che sta subendo il Pianeta, le cui cause sono prevalentemente di natura antropica. Ci stiamo inesorabilmente avvicinando al punto di non ritorno, superato il quale i cambiamenti saranno irreversibili. Ciò significa che dobbiamo accelerare la transizione green e non frenarla, anteponendo ad essa strumentali interessi economici. In questo podcast il senatore Lorefice ci ha fornito, attraverso esempi concreti, la visione di come sarà il futuro a impatto energetico zero.

Buon ascolto…

TECNOLOGO ALIMENTARE, IL SENATO INTRODUCE LA RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO.

Puntata di giovedì 23 giugno, ore 13.00

Con il senatore Gianfranco RUFA (Lega), primo firmatario del disegno di legge n. 1130

ASCOLTA IL PODCAST

Il tecnologo alimentare è una professione centrale del sistema alimentare, regolamentata in Italia dalla legge 18 gennaio 1994, n. 59.I tecnologi alimentari si occupano dei processi di trasformazione degli alimenti, dei controlli e delle verifiche ispettive, dei sistemi di gestione del rischio, delle certificazioni, dei materiali e degli oggetti a contatto con alimenti, di lay-out, di tracciabilità e rintracciabilità, di pareri su impianti di trasformazione degli alimenti, di ingredientistica e di qualità e sviluppo dei prodotti alimentari.

Si tratta, quindi, di una figura professionale che costituisce un supporto indispensabile di competenze e attività atte a garantire la sicurezza dei prodotti alimentari, a salvaguardare dei consumatori. L’introduzione di una relazione tecnica di asseveramento, prevista dal disegno di legge n. 1103 in discussione presso la Commissione Agricoltura del Senato, che attesti la conformità dei processi di trasformazione degli alimenti, degli impianti, dei flussi produttivi ai diversi regolamenti e alle disposizioni di legge, va nella direzione auspicata di valorizzare le competenze del tecnologo alimentare, a tutela della salubrità e della qualità dei prodotti alimentari.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 20 giugno, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Il Governo ha prorogato il termine entro il quale le Commissioni parlamentari dovranno emanare i pareri sui tre schemi di decreti legislativi sul commercio, detenzione e riproduzione di animali esotici e selvatici.

Oggi, alle ore 14:30, le Commissioni cultura e Lavoro della Camera voteranno gli emendamenti al disegno di legge delega sullo spettacolo, che contiene al suo intervento lo stop all’uso di animali nei circhi, già approvato lo scorso maggio dal Senato.

Domani, alle 13:30, nella Commissione Agricoltura della Camera, riprende l’iter del provvedimento in materia di contrasto del bracconaggio ittico nelle acque interne.

Fuori dai Palazzi. Buone pratiche in materia di colonie feline: il ruolo dei sindaci. I consigli del presidente Felicetti.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 13 giugno, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Arriva alla Camera la delega sulla riforma dello spettacolo, che al suo interno prevede lo stop all’uso di animali nei circhi. Con l’approvazione definitiva di questo disegno di legge, a settembre il Ministero della Cultura dovrebbe provvedere ad emanare i decreti attuativi.

Sempre alla Camera, nella Commissione Agricoltura, si voteranno gli emendamenti al provvedimento sui danni (presunti) arrecati dalla fauna selvatica, che porterà ad una estensione dei periodi di caccia. Nel frattempo la Regione Lazio darà nei prossimi giorni il via libera ai primi abbattimenti dei cinghiali a Roma ( almeno 400), secondo le indicazioni della Cabina di regia presso la Prefettura di Roma.

Ultimi giorni per le Commissioni parlamentari per esprimere il parere in merito ai tre schemi di decreti legislativi sullo stop al commercio e alla detenzione di animali esotici: il termine scadrà il prossimo giovedì 16 giugno. In merito a questo provvedimento, martedì 14 giugno, alle ore 12:00, è prevista nelle Commissioni riunite Agricoltura e Sanità del Senato, l’audizione di rappresentanti della LAV.

Lo scorso fine settimana si è tenuto a Roma il Congresso nazionale della Lav, nell’ambito del quale è stato presentato il Piano Strategico 2022/26 per i diritti degli animali. È possibile rivedere i lavori a questo link: https://youtu.be/pK0dvGH4dsU

Buon ascolto…

RILANCIARE L’ITALIA FACENDO COSE SEMPLICI

Puntata di lunedì 6 giugno, ore 18.00

Con Angelo DEIANA, economista, presidente di CONFASSOCIAZIONI

ASCOLTA IL PODCAST

Prende il via su Radio Parlamentare la rubrica “Rilanciare l’Italia facendo cose semplici”. In questa prima puntata, con il presidente Angelo Deiana, abbiamo cominciato a costruire la “mappa” del percorso che ci guiderà verso il rilancio del nostro Paese. Anzitutto, occorre capire qual è il nostro punto di partenza: dove siamo e qual è il contesto in cui muoveremo i nostri primi passi. Ecco perché è fondamentale comprendere quali sono ( o saranno) i confini del nuovo mondo, nell’ambito del quale avviare un nuovo “progetto Paese” .

Serve un rinnovato sforzo di tutti – ha osservato il presidente Deiana – e la volontà di cambiare prospettiva. In questo viaggio verso il futuro, l’arma vincente sarà la “rete delle competenze e delle nuove conoscenze”. Senza se e senza ma, il Rinascimento 2.0 dell’Italia dovrà ineluttabilmente investire nell’apprendimento.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 6 giugno, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

Settimana di sospensione dei lavori parlamentari, in ragione delle elezioni amministrative del 12 giugno.

Nel frattempo, fuori da Palazzi parlamentari, le maggiori associazioni animaliste nazionali hanno manifestato davanti al Campidoglio contro la gestione della Giunta Capitolina nei confronti degli animali. Dall’orribile morte del cane Rocky, ospite del canile della Muratella, che ha portato alla luce l’assenza di assistenza veterinaria nei canili pubblici; ai rapaci legati sul tetto del Campidoglio come “spaventapasseri” per gabbiani e piccioni; al dossier sul bioparco; alla questione delle botticelle; alle autorizzazione ad utilizzare animali esotici per le riprese cinematografiche ( come la recente sfilata degli elefanti ai Fori Imperiali per girare il film di Nanni Moretti).

Insomma, Roma è diventata la Capitale della NON tutela degli animali. Ci auguriamo che questa manifestazione possa aver smosso gli animi all’inerno della Giunta guidata dal Sindaco Gualtieri.

È partita dal 5 giugno la raccolta firme dell’iniziativa “End The Slaughter Age” approvata dalla Commissione europea, attraverso cui tutti i cittadini europei potranno firmare per chiedere alla UE l’esclusione degli allevamenti dai sussidi europei PAC (Politica Agricola Comune) destinati all’industria zootecnica, in modo da convogliare tali fondi verso alternative più ecologiche e sostenibili che non prevedono l’uccisione degli animali. FIRMA ANCHE TU: https://eci.ec.europa.eu/025/public/#/screen/home

Buon ascolto…

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI. LA CAMERA APPROVA IL DDL DELEGA.

Puntata di mercoledì 1° giungo, ore 15.00

Con l’on. Erica MAZZETTI (FI), relatrice del provvedimento nella Commissione Ambiente

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso 24 maggio la Camera dei deputati ha approvato il disegno di legge delega per la riforma del Codice degli appalti, una delle più importanti previste nell’ambito dell’attuazione del Pnrr. Dopo anni di modifiche settoriali e di emergenza, finalmente i legislatore sta mettendo in campo una normativa organica volta a razionalizzare, riordinare e semplificare la disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

“Con questa nuova legge, frutto dell’ascolto dei corpi produttivi” – ha affermato l’on. Mazzetti – “archivieremo l’attuale codice del 2016 che ha reso impossibili i lavori pubblici, fuorché in deroga alla stessa legge”. Il ddl di riforma, che adesso passa al Senato per l’approvazione definitiva, entrerà in vigore entro la fine del 2023, motivo per cui – ha fatto notare l’on. Mazzetti – è necessario prevedere una normativa transitoria che agevoli l’attuazione del Pnrr.

Tra i principi e i criteri direttivi previsti nel ddl delega a cui il Governo dovrà attenere nella emanazione del decreti attuativi, si segnalano:

il perseguimento di obiettivi di coerenza e adesione alle direttive europee, attraverso l’introduzione o il mantenimento di livelli di regolamentazione corrispondenti a quelli minimi richiesti dalle direttive stesse; il rafforzamento delle funzioni di vigilanza e supporto alle stazioni appaltanti dell’ANAC; riduzione numerica e riorganizzazione delle stazioni appaltanti afferenti sia ai settori ordinari che ai settori speciali (gas, energia termica, elettricità, acqua, trasporti, servizi postali, sfruttamento di area geografica); possibilità di procedere alla suddivisione degli appalti in lotti sulla base di criteri qualitativi o quantitativi, anche al fine di favorire e valorizzare le imprese di prossimità territoriale; semplificazione della disciplina dei contratti pubblici che abbiano un importo inferiore alle soglie di rilevanza europea; divieto per le stazioni appaltanti di utilizzare, ai fini della selezione degli operatori da invitare alle procedure negoziate, il sorteggio o altro metodo di estrazione casuale dei nominativi, se non in presenza di situazioni particolari e specificamente motivate; semplificazione delle procedure finalizzate alla realizzazione di investimenti in tecnologie verdi e digitali, nonché in innovazione e ricerca per la realizzazione di investimenti in innovazione sociale; introduzione di un regime obbligatorio di revisione dei prezzi al verificarsi di particolari condizioni di natura oggettiva e non prevedibili al momento della formazione dell’offerta, nonché dell’obbligo di inserimento nei bandi delle stazioni appaltanti del costo del rinnovo dei contratti nazionali di lavoro sottoscritti dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; obbligo per le stazioni appaltanti, di inserire delle specifiche clausole sociali volte a garantire la stabilità occupazionale del personale impiegato nonché le pari opportunità generazionali, di genere e di inclusione lavorativa per le persone con disabilità; obbligo per le stazioni appaltanti di ricorrere a forniture in cui la parte di prodotti originari di Paesi terzi che compongono l’offerta non sia maggioritaria rispetto al valore totale dei prodotti. Nel caso di forniture provenienti da Paesi extra Unione europea, devono essere richieste misure atte a garantire il rispetto di criteri ambientali minimi e dei diritti dei lavoratori, anche al fine di assicurare una leale concorrenza nei confronti degli operatori economici europei; è previsto il divieto di prestazione gratuita delle attività professionali, salvo che in casi eccezionali e previa adeguata motivazione; assicurare interventi di digitalizzazione e informatizzazione delle procedure di gara, dando piena attuazione alla banca dati nazionale dei contratti pubblici e del fascicolo virtuale dell’operatore economico e riducendo, ove possibile, gli oneri documentali ed economici a carico dei soggetti che partecipano alla procedura competitiva; in relazione alla stipula dei contratti, è stabilito che la stessa avvenga anche attraverso contratti tipo predisposti dall’Anac; è prevista la semplificazione della normativa primaria in materia di programmazione e localizzazione delle opere pubbliche, con particolare riguardo all’istituto del dibattito pubblico; è stato introdotto l’obbligo di sottoscrizione di apposite polizze assicurative per il personale interno alle amministrazioni di copertura dei rischi di natura professionale, con oneri a carico delle amministrazioni stesse, nel caso di affidamento degli incarichi di progettazione; è prevista la ridefinizione dei livelli di progettazione, ai fini di una loro riduzione, lo snellimento delle procedure di verifica e validazione dei progetti; rivisitazione e semplificazione del sistema di qualificazione degli operatori al fine di valorizzare i criteri di verifica formale e sostanziale delle capacità realizzative, delle competenze tecniche e professionali, dell’adeguatezza dell’attrezzatura tecnica e dell’organico, delle attività effettivamente eseguite e del rispetto della legalità e delle disposizioni relative alla prevenzione antimafia; individuazione dei casi nei quali si può ricorrere a meccanismi valutativi delle offerte mediante automatismi e la tipizzazione dei casi in cui le stazioni appaltanti possono ricorrere, ai fini dell’aggiudicazione, al solo criterio del prezzo o del costo, in particolare, è previsto che i costi della manodopera e della sicurezza siano sempre scorporati dagli importi assegnati a ribasso; possibilità di ridefinizione della disciplina delle varianti in corso d’opera e modifica dei contratti durante la fase dell’esecuzione; individuazione precisa delle cause che giustificano la stipulazione di contratti segretati o che giustifichino l’adozione di particolari misure di riservatezza; revisione del sistema delle garanzie fideiussorie per la partecipazione ed esecuzione dei contratti pubblici, con la possibilità di sostituire le stesse mediante l’effettuazione di una ritenuta di garanzia proporzionata all’importo del contratto in occasione del pagamento di ciascun stato avanzamento lavori; indicazione precisa dei contratti pubblici esclusi dall’ambito di applicazione delle direttive europee, nonché delle ipotesi in cui le stazioni appaltanti possano ricorrere all’appalto integrato; introduzione di vincoli per l‘individuazione delle ipotesi in cui è possibile ricorrere all’appalto integrato, tra cui: il possesso della necessaria qualificazione per la redazione dei progetti, nonché l’obbligo di indicare nei documenti di gara o negli inviti le modalità per la corresponsione diretta da parte della stazione appaltante al progettista o della quota del compenso corrispondente agli oneri di progettazione indicati espressamente in sede di offerta dall’operatore economico, al netto del ribasso d’asta; è previsto il divieto di proroga dei contratti di concessione, ad eccezione di quelli regolati dai principi europei in materia di affidamento in house; in merito ai contratti di concessione, con l’obiettivo di introdurre una disciplina specifica per i rapporti concessori riguardanti la gestione dei servizi di interesse economico generale, è prevista l’introduzione di una disciplina riferita alle concessioni in essere e non affidate con la formula della finanza di progetto, ovvero con procedure di gara ad evidenza pubblica secondo il diritto dell’Unione; sono previsti meccanismi sanzionatori e premiali volti a incentivare la tempestiva esecuzione dei contratti da parte dell’aggiudicatario; semplificazione delle procedure di pagamento da parte delle stazioni appaltanti del corrispettivo contrattuale, anche riducendo gli oneri amministrativi a carico delle imprese e previsione di meccanismi di accelerazione delle procedure di pagamento.

Buon ascolto…

ISTRUZIONE: ULTIMO MIGLIO PER LA RIFORMA DEGLI I.T.S.

Puntata di martedì 31 maggio, ore 13.30

Con la senatrice Maria Gabriella SAPONARA, capogruppo della Lega nella Commissione Istruzione del Senato.

ASCOLTA IL PODCAST

Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) sono sempre stati considerati la cenerentola del nostro sistema di istruzione, alla stregua di un “ripiego” rispetto al percorso universitario. Senonchè il fiume di riforme messo in campo dal Pnrr ha previsto anche un’ampia riqualificazione di questi Istituti formativi, ormai in via di definizione.

Proprio la scorsa settimana il Senato ha approvato il disegno di legge di riforma degli ITS, che a breve assumeranno una nuova denominazione: “Accademie per l’istruzione tecnica superiore” o ITS Academy. Tra le novità più rilevanti: una compiuta legge nazionale per la loro disciplina, al posto dei decreti ministeriali; un apposito Fondo per l’istruzione tecnologica superiore, che garantirà finanziamenti stabili; la previsione di nuove aree tecnologiche, in linea anche con la transizione green e digitale del Pnrr; un ruolo centrale delle imprese, con la previsione del 60 per cento del monte orario complessivo della docenza dal mondo del lavoro.

Il provvedimento passa adesso alla Camera deputati per l’ultima e definitiva approvazione. Spetterà poi all’Esecutivo emanare i decreti legislativi di attuazione, per arrivare all’entrata in vigore della nuova disciplina degli ITS Accademy nell’anno scolastico 2023/2024.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 30 maggio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV.

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Continua l’iter parlamentare per il parere ai tre schemi di decreti legislativi proposti dal Ministero della Salute, in applicazione del Regolamento Europeo 429/2016 e della Legge di Delegazione Europea 53/2019, che prevedono divieti e restrizioni all’importazione, commercio e detenzione di animali esotici.

Fuori dai Palazzi. È possibile aderire le Iniziative dei Cittadini Europei (ICE) per introdurre in tutta l’Unione il divieto di allevamento di animali da pellicce e l’iniziativa per lo stop all’uso di animali per testare i cosmetici.

Firma anche tu:

STOP AGLI ALLEVAMENTI DI PELLICCE: https://www.lav.it/pellicce

STOP ALLE SPERIMENTAZONI PER TEST COSMETICI https://www.lav.it/cosmetici-cruelty-free/

CONTRIBUTI PER LE PASSIVITÀ DELLE IMPRESE AGRICOLE

Puntata di lunedì 30 maggio, ore 15.00

Con il senatore Giorgio BERGESIO (Lega), relatore del provvedimento nella Commissione Agricoltura del Senato e Antonio ACCONCIAIOCO, Sindaco di Piozzo.

ASCOLTA IL PODCAST

Due anni di pandemia, l’aumento dei prezzi delle materie prime, il caro energia e, adesso, il conflitto in Ucraina, hanno messo a dura prova le 740 mila imprese agricole italiane. Cercare di far fronte a tutte queste criticità non è semplice e, nonostante negli ultimi anni il legislatore sia intervenuto con diversi provvedimenti ( da ultimo il decreto Ucraina), l’indebitamento delle pmi agricole rappresenta un’ombra sulla tenuta del sistema agricolo italiano. Nel frattempo l’Italia ha avviato un dialogo con la UE per rivedere il regime “de minimis”, per portarlo fino a 200 mila euro anche il comparto agricolo.

Buon ascolto…

ARRIVA IL DDL PER LA TUTELA DEGLI INSETTI

Puntata di lunedì 30 maggio, ore 16.00

Con il senatore Fabrizio TRENTACOSTE (M5S), relatore del provvedimento nella Commissione Agricoltura del Senato e Simone TOSELLI, apicoltore, amministratore dell’azienda EDEN Bee

ASCOLTA IL PODCAST

Finalmente, dopo più di un anno di stop, l’iter del disegno di legge per la “tutela degli insetti” ha ricominciato il suo iter parlamentare nella Commissione Agricoltura del Senato. Negli ultimi 30 anni solo in Europa si è registrata una perdita di circa il 75 per cento della popolazione degli insetti, soprattutto degli “impollinatori”, indispensabili per mantenere l’equilibrio degli ecosistemi.

Api , sirfidi, farfalle, falene, vespe e coleotteri, non sono dei disturbatori o mostri della natura di cui avere paura. Essi rappresentano la forza propulsiva vitale essenziale per la riproduzione vegetale, senza la quale nemmeno la nostra vita sarebbe possibile. Il declino di queste specie è causato soprattutto dall’agire antropico, come il cambio di destinazione dei suoli, l’agricoltura intensiva, l’uso di pesticidi e inquinanti.

Occorre un nuovo approccio e una diversa sensibilità nei confronti di queste piccole e speciali creature. Questo disegno di legge va nella direzione auspicata, restituendo habitat naturali e dignità di vita a questi piccoli animali. Entro l’estate il Senato dovrebbe concludere l’iter, affinché la Camera possa approvare definitivamente il provvedimento entro la fine della legislatura. Noi cittadini possiamo fare la nostra parte, chiedendo ai nostri referenti parlamentari di appoggiare questo disegno di legge e portarlo a compimento in tempi brevi.

Buon ascolto…

PNRR E SPORT. QUALI OPPORTUNITÀ PER I COMUNI?

Puntata di venerdì 27 maggio, ore 11.30

Con l’on. Daniele BELOTTI (Lega), membro della Commissione Cultura della Camera e Roberto DALMAZZO, Sindaco di Lagnasco e vicepresidente di ITALIA 2026.

ASCOLTA IL PODCAST

La Missione del PNRR legata al mondo dello sport, finalizzata all’inclusione e l’integrazione sociale attraverso la realizzazione o la rigenerazione di impianti sportivi che favoriscano il recupero di aree urbane, ha lasciato fuori il 70 per cento dei Comuni italiani: quelli con popolazione sotto i 5 mila abitanti. Una scelta che la Sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, lo scorso martedì, nella Commissione Cultura della Camera, ha “giustificato” in questo modo: stante i tempi ristretti per la realizzazione delle opere ( marzo 2023 per l’aggiudicazione di tutti gli appalti e giugno 2026 per la realizzazione di almeno 100 interventi), si è preferito puntare sui Comuni sopra i 50 mila abitanti.

I piccoli Comuni italiani potranno candidarsi per il bando relativo al fondo “Sport e Periferie 2022”, pubblicato martedì scorso. Questo bando del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio, da una parte riserva circa l’80 per cento delle risorse ai Comuni delle Regioni del Sud, dall’altra prevede una quota di cofinanziamento da parte degli Enti locali ( che potranno ricorrere all’Istituto credito sportivo). Più tutta una serie di vincoli, come la previsione di almeno due discipline sportive praticabili.

A queste considerazioni di merito si aggiungono le incognite che riguardano le tempistiche per la “messa a terra del Pnrr”, giacché se non saranno raggiunti, entro il 30 giugno 2022, gli obiettivi e le milestones previsti nel cronoprogramma, la Commissione europa non procederà al versamento della seconda rata del finanziamento. In aggiunta a ciò, vanno annoverate le incertezze di contesto, ossia fattori esogeni quali l’aumento dei prezzi delle materie prime, il caro energia, il conflitto in Ucraina. Elementi, questi, che potrebbero indurre la Ue ad accettare la richiesta dell’Italia di uno slittamento delle tempistiche del Pnrr. In questo caso (chissà), anche alcune decisioni sull’utilizzazione dei fondi potrebbero essere rivalutate con maggiore lungimiranza, dando il giusto supporto ai piccoli Comuni che rappresentano la storia, la cultura e le tradizioni del nostro Paese. Diceva Sofocle, in tempi non sospetti, che la “fretta e il ragionamento, non vanno d’accordo”.

Buon ascolto…

IL TRATTATO ITALIA-FRANCIA NEL PROCESSO D’INTEGRAZIONE EUROPEA.

Puntata di giovedì 26 maggio, ore 12.00

Con l’on. Lia QUARTAPELLE, capogruppo del Partito Democratico nella Commissione Affari Esteri della Camera.

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso mercoledì la Camera dei deputati ha dato il via libera alla ratifica del Trattato tra Italia-Francia, meglio conosciuto come “Trattato del Quirinale”, sottoscritto a Roma il 26 novembre 2021. Il rafforzamento dei legami italo-francesi porterà non solo un nuovo slancio alla cooperazione tra i due Paesi, ma aprirà a scenari che vanno della direzione di una più compiuta integrazione europea, andando, in un certo qual modo, a “riequilibrare” le posizioni all’interno della compagine europea, che negli ultimi decenni è stata contraddistinta da un sodalizio di ferro tra Francia e Germania.

La cooperazione tra Italia e Francia declinata nel Trattato, investe diversi ambiti: politica estera; sicurezza e difesa, con previsione di un Consiglio italo-francese di difesa e sicurezza; giustizia e affari interni, con un meccanismo di concertazione rafforzata su asilo e migrazioni; trasporti; istruzione, università e ricerca; cooperazione economica e industriale, andando a rafforzare i settori industriali dove la sinergia tra i due Paesi è giù forte, come nei comparti spaziale, navale, aeronautico, elettronico, automobilistico e ottico. In materia di affari europei è previsto che le Parti si consultino regolarmente in vista del raggiungimento di posizioni comuni nelle questioni europee di interesse di entrambe.

Il provvedimento passa adesso al Senato per la ratifica definitiva, che dovrebbe avvenire entro il mese di giugno, contestualmente alla ratifica del Trattato da parte della Francia.

Buon ascolto…

DEFLUSSO ECOLOGICO DEI FIUMI. DAL SENATO RINVIO DI DUE ANNI

Puntata di lunedì 23 maggio, ore 12.45

Con il sen. Ruggiero QUARTO, Commissione Ambiente del Senato e Andrea AGAPITO LUDOVICI, responsabile “RETE e OASI” del WWF Italia.

ASCOLTA IL PODCAST

Per deflusso ecologico dei fiumi si intende il volume di acqua necessario per mantenere l’equilibrio degli l’ecosistemi acquatici e la qualità dell’ambiente. Secondo la Diretta europea sulle acque questa nuova disciplina sarebbe dovuta entrare in vigore in Italia dal 1° gennaio 2022. Senonché, a seguito di una Risoluzione della Commissione Agricoltura di Palazzo Madama, lo scorso 10 maggio il Senato ha approvato un emendamento nel decreto Ucraina che ne ha posticipato l’entrata in vigore alla fine del 2024.

Siamo vicini al collasso ambientale – ci ha ricordato Andrea Agapito Ludovici – eppure ancora una volta si antepongono gli interessi economici alla “questione ambientale”. Al nostro legislatore manca soprattutto una “visione complessiva” nella tutela dell’ambiente e degli ecosistemi, nonchè in molti casi le competenze per comprendere appieno le conseguenze di determinate scelte. Non a caso, il parere su questa tematica è stato dato dalla Commissione Agricoltura di Palazzo Madama senza il coinvolgimento della Commissione Ambiente: eppure di trattava di decidere sulla tutela delle nostre acque.

Non discutiamo il fatto che, prima due anni di pandemia e adesso conflitto in Ucraina, abbiamo messo a dura prova il sistema produttivo italiano. Tuttavia, come evidenziato dal senatore Ruggiero Quarto, potrebbero essere adottate azioni volte a ridurre gli sprechi in agricoltura, compreso l’utilizzo dell’acqua, ad esempio utilizzando le tecniche dell’agricoltura di precisione. Da questo punto di vista, la tecnologia potrebbe essere un grosso alleato nella lotta ai cambiamenti climatici, ma il nostro legislatore ancora non riesce ad affrontare il “problema Pianeta” con la giusta attenzione che la drammaticità di questa epoca impone. Le lobby del comparto agricolo e zootecnico fanno il resto.

Mai come in questo momento i cittadini sono chiamati a vigilare sull’operato del Governo e del Parlamento, anche per supportare quei parlamentari che cercano di far prevalere logiche proiettate verso la salvaguardia del sistema Pianeta, che è alla base della Vita e della nostra sopravvivenza in questo mondo. Da questo punto di vista, ci auguriamo che almeno il Governo possa dare attuazione all’Ordine del Giorno presentato dal senatore Quarto per correggere il tiro sul deflusso ecologico e contenere i danni che questo rinvio provocherà.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 23 maggio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV.

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Il Senato ha approvato in prima lettura la delega in materia di spettacolo, che al suo interno prevede il superamento degli animali nei circhi e spettacoli viaggianti. Il testo passa adesso alla Camera dei deputati per l’approvazione ( speriamo) definitiva.

Prosegue l’iter parlamentare per il parere al Governo sui tre schemi di decreti legislativi riguardanti il divieto di commercio e detenzione di animali esotici. Al riguardo si segnala che martedì 24 maggio, alle ore 13.30, si svolgerà l’audizione dei rappresentanti della Lav presso la Commissione Sanità del Senato.

Alla Camera, nella Commissione Agricoltura, si attendono per giovedì le votazioni sugli emendamenti riguardo la proposta di legge per il contrasto del bracconaggio ittico. Sempre alla Camera, si segnalano mozioni riguardanti la peste suina africana che, in generale, chiedono ulteriori stanziamenti economici per il comparto suinicolo e maglie più larghe per la caccia ai cinghiali. Al riguardo, si svolgerà mercoledì 25 maggio, nella Commissione Agricoltura, l’audizione del Commissario straordinario per la peste suina africana, Angelo Ferrari, sulle problematiche relative all’emergenza in corso.

Buon ascolto…

IL SOGNO EUROPEO DI ALTIERO SPINELLI

Puntata di lunedì 23 maggio, ore 11.00

Con il senatore Gianni PITTELLA

ASCOLTA IL PODCAST

Il 23 maggio 1986 moriva Altiero Spinelli, uno dei padri fondatori dell’Unione europea. Autore nel 1941 del Manifesto di Ventotene, fondatore del Movimento federalista europeo, è stato membro della Commissione europea e, dal 1979, parlamentare europeo. Grazie al suo attivismo convinto “per una Europa libera e unita”, nel 1980 il Parlamento iniziò il processo di revisione dei Trattati che portò alla definizione delle attuali Istituzioni europee.

In tutta la sua carriera politica fu fautore uno strenuo difensore dell’integrazione europea. Eppure, a distanza di quasi quarant’anni il suo “sogno europeo” non si è ancora completamente compiuto. Ricordarlo in questo giorno, significa anche tenere a mente che il percorso verso un vero federalismo europeo, democratico e solidale, è ancora lungo. In questo senso, la visione politica di Spinelli è oggi più che mai un faro per attuare l’Europa dei cittadini.

Buon ascolto…

IL FUTURO DELLE CRIPTOVALUTE

Puntata di mercoledì 18 maggio, ore 15.00

Con Alessandro CARBONE, consulente finanziario e Andrea TORRACCA, presidente di ESPERIENZA ITALIA

ASCOLTA IL PODCAST

Cosa si intende per finanza digitale e cosa sono le criptovalute? Ne abbiamo parlato in questo podcast, con Alessandro Carbone e Andrea Torracca, cercando di comprendere in che misura l’economia virtuale inciderà nell’economia reale, identificando i benefici per i cittadini e le opportunità di sviluppo per il Paese.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di mercoledì 18 maggio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Gli schemi di decreti legislativi, attuativi della delega sul commercio e la detenzione degli animali esotici, iniziano il loro iter parlamentare nelle Commissioni Affari Sociali e Agricoltura della Camera dei deputati. Le Commissioni sono chiamate ad esprimere un parere al Governo. Sempre alla Camera, vanno avanti i lavori sulla proposta di legge in materia di contrasto del bracconaggio ittico nelle acque interne: attese oggi le votazioni sugli emendamenti nella Commissione Agricoltura.

L’Assemblea capitolina, a seguito dei primi casi di peste suina africana a Roma, ha firmato l’ordinanza per il via libera all’abbattimento massivo dei cinghiali. Ancora una volta si è deciso di ricorrere alla “doppietta” invece di prevedere misure preventive, quali la sterilizzazione degli animali e l’utilizzo di adeguate recinzioni.

Sconcerto per la posizione presa di posizione del Ministro Cingolani, che nei giorni scorsi ha scritto al Commissario europeo per l’Ambiente Sinkevičius per chiedere che venga stravolto tutto il processo scientifico di individuazione dei “Key concepts”, ossia delle date di inizio migrazione e inizio del periodo di riproduzione degli uccelli selvatici che vivono in Europa. Tutto questo per estendere i periodi di caccia. Confidiamo che il Commissario Sinkevičius possa rispedire al mittente questa indegna richiesta del “Ministro della caccia”.

Buon ascolto…

LA FINANZA SOSTENIBILE PER LO SVILUPPO DEL PAESE

Puntata di mercoledì 18 maggio, ore 15.45

Con la partecipazione dell’on. Carla RUOCCO, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario

ASCOLTA IL PODCAST

Sostenibilità ambientale, inclusione sociale e buon governo. Sono questi i cardini della finanza sostenibile e i tre fattori richiesti (ESG – Environmental,Social and Governance) per valutare la sostenibilità delle attività economiche. Questo momento storico così complesso e complicato per il genere umano, ci esorta ad adottare con solerzia un diverso approccio verso la finanza e l’economia. In un mondo “in bilico” a causa dei cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, caratterizzato da sempre più evidenti diseguaglianze tra essere umani e divari territoriali e sociali sempre più profondi, siamo chiamati a prestare maggiore attenzione al nostro agire.

La transizione green e digital, declinate a livello nazionale nel Pnrr, vanno verso questa direzione. Ma non basta. “Dobbiamo creare un futuro in cui non si parli più di finanza sostenibile, poiché la sostenibilità sarà finalmente insita nel concetto stesso di finanza”, ha affermato la presidente Ruocco. Una finanza che rispetti “il senso umano delle cose” e la multiforme Vita del nostro Pianeta. In questo senso, la legislazione dovrà prevedere dei criteri “premiali” per tutti quei processi produttivi che scelgono di andare verso la sostenibilità ambientale, che dovrà diventare necessario requisito per accedere alle misure finanziarie (rating di sostenibilità).

Parimenti, il contributo di ognuno di noi sarà fondamentale per sostenere e accelerare questo cambiamento, indirizzando le nostre scelte verso una “economia sana”, non basata unicamente sul profitto, e abitudini di vita tanto comode quanto ingiuste. “Non possiamo continuare ad essere ospiti folli del Pianeta ed utilizzatori incoscienti delle risorse finite della Natura”, ci suggerisce la presidente Ruocco. Un monito da ricordare, un obiettivo da perseguire.

Buon ascolto…

IL “SALVA MARE” È LEGGE!

Puntata di venerdì 13 maggio, ore 18.00

Con Paola DEIANA (M5S), membro della Commissione Ambiente della Camera dei deputati

ASCOLTA IL PODCAST

Ci sono quasi due anni, ma oggi finalmente il provvedimento c.d. “Salva Mare” è diventato legge dello Stato. Un altro grande obiettivo in tema di tutela dell’ambiente e degli ecosistemi raggiunti in questa Legislatura. Il “salva mare” costituisce uno strumento importante per ripulire le acque marine, dei laghi, dei fiumi e delle lagune, dai rifiuti.

La dispersione della plastica nell’ambiente marino è uno dei drammi ambientali più gravi e preoccupanti a livello planetario. Le materie plastiche, infatti, rappresentano fino all’85% dei rifiuti marini trovati lungo le coste, sulla superficie del mare e sul fondo dell’oceano. Per dare un’idea della portata di questo disastro ambientale: a livello mondiale ogni anno vengono prodotte circa 300 milioni di tonnellate di materie plastiche, di queste almeno 8 milioni di tonnellate si perdono in mare. Solo nel nostro Mediterraneo, il 95% dei rifiuti è composto da plastica e 134 sono le specie vittime di ingestione da plastica (tra cui tutte le specie di tartaruga marina).

La nuova normativa, introdotta con il “salva mare”, permetterà ai pescatori di raccogliere i rifiuti plastici dal mare e ottenere un apposito certificato ambientale. Sembra assurdo, ma fino ad oggi pescatori erano costretti a ributtare in mare i rifiuti per non incorrere nel reato di trasporto illecito di rifiuti. Questa stortura legislativa, è stata finalmente superata. Nel Salva Mare sono previste anche apposite azioni per sensibilizzare la collettività verso comportamenti virtuosi, così come regole più semplici per la raccolta e lo smaltimento della biomassa spiaggiata a seguito delle mareggiate.

Buon ascolto…

ELEZIONI PRESIDENZIALI IN FRANCIA

Puntata di martedì 10 maggio, ore 17.00

Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera dei deputati e Francesco ALFIERI, Associazione Calabresi in Francia

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso 24 aprile Emmanule Macron ha conquistato il suo secondo mandando vincendo le elezioni presidenziali in Francia. Dopo due anni di pandemia e le difficoltà economiche contingenti, esacerbate dall’attuale conflitto in Ucraina, i francesi hanno confermato la fiducia al presidente uscente. Si tratta, tuttavia, di una vittoria con tante “ombre”, che celano il disagio sempre più crescente della popolazione. A creare tensione sono soprattutto i conflitti interetnici, che rischiano di far esplodere la miccia da un momento all’altro. Non a caso il centro-destra guidato da Marine Le Pen continua a crescere nei consensi, anche rispetto alle elezioni del 2017.

Buon ascolto…

GLI STATI GENERALI DEL RANDAGISMO

Puntata di martedì 10 maggio, ore 15.00

Con l’on. Filippo MATURI, responsabile Dipartimento tutela del benessere degli animali della Lega.

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso sabato, 7 maggio, si sono tenuti a Palermo gli Stati Generali del Randagismo, evento promosso e organizzato dall’on. Filippo Maturi. Una città “simbolo” per parlare del randagismo e del “ruolo” dei cani nella nostra società. È necessario cambiare paradigma e mentalità e cominciare a considerare i nostri amici a quattro zampe una risorsa per la comunità, non un peso e nemmeno un modo per fare soldi a spese dei cittadini.

Per fare ciò è necessario modificare la legge attualmente in vigore, che risale al 1991. Per questo l’on. Maturi ha voluto rendere protagoniste di questo evento tutte le più importanti associazioni a livello nazionale che si occupano della tutela degli animali, coinvolgendole in un Tavolo permanente che avrà il compito di elaborare una nuova normativa contro il fenomeno del randagismo da presentare al Parlamento: al passo coi tempi e rispettosa del benessere degli animali. Soprattutto serve un piano nazionale per le sterilizzazioni, un’anagrafe nazionale e una politica che incentivi le adozioni nei canili.

I cani sono esseri senzienti, che provano gioia, malessere, felicità e sofferenza. Sono esseri che si lasciano morire quando il loro genitore umano viene a mancare. Sono coloro che aspettano il ritorno del loro padrone anche per anni, e spesso invano. Non perdono mai la speranza, e di speranza e gioia di vivere ne portano tanta nelle nostre vite. Sono a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie, partecipi attivi nelle nostre vite. Quelle anime che vagano sulle nostre strade, o peggio, rinchiuse in canili lager, aspettano una possibilità per rendere migliori e piene le nostre vite. Adottare un cane in un canile è un’esperienza da provare. Sicuramente troverete negli occhi di uno quei cani costretti per anni a guardare il mondo da dietro le sbarre, il compagno della vostra vita.

Un ringraziamento particolare all’on. Filippo Maturi, per la passione e l’impegno nei confronti degli animali. Grazie ai suoi “blitz” nei canili di tutta Italia, è riuscito a documentare gli orrori di alcuni lager ed a cambiare la vita di tante anime innocenti.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 9 maggio, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. A seguito dei primi casi di peste suina nella Capitale, si discuterà in questi giorni alla Camera la Mozione Molinari (Lega) per aumentare le misure di contrasto alla diffusione della malattia ( con probabile richiesta di abbattimenti di animali) e aiuti al comparto suinicolo.

Atteso per domani un importante parere da parte della Commissione Politiche europee del Senato in merito ad una proposta di Direttiva europea sulla tutela penale dell’ambiente. Sempre in Senato, si attende la calendarizzazione in Aula del disegno delega in materia di spettacolo dal vivo, che prevede il superamento degli animali nei circhi, approvato la scorsa settimana dalle Commissioni competenti.

Il Ministero della Salute, dopo innumerevoli pressioni da parte delle associazioni animaliste e ambientaliste, ha finalmente presentato lo scorso giovedì in Consiglio dei Ministri tre schemi di decreti legislativi attuativi della delega che prevede per lo stop alla commercializzazione degli animali esotici. I decreti, di cui ancora non si conosce il testo, dovranno passare all’esame del Parlamento e della Conferenza delle Regioni per il parere, prima di essere adottati definitivamente.

Buon ascolto…

LO SCIOGLIMENTO DEGLI GHIACCIAI ALPINI. EMERGENZA REALE PER IL PAESE.

Puntata di lunedì 9 maggio, ore 11.00

Con il senatore Albert LANIECE, vicepresidente della Commissione Ambiente del Senato e la dr.ssa Maria SICLARI, Direttore Generale ISPRA

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scioglimento dei ghiacciai alpini è oggetto in queste settimane di un Affare Assegnato nella Commissione Ambiente del Senato, di cui il senatore Albert Laniece è relatore. L’attenzione del legislatore su questa tematica ci rassicura in merito alla volontà del decisore politico di essere incisivo nella lotta ai cambiamenti climatici, tuttavia bisogna essere risoluti e fare presto. Come ha evidenziato la dr.ssa Maria Siclari, i ghiacciai sono un indicatore molto importante per capire come sta agendo il riscadamento globale e, purtroppo, la situazione attuale è preoccupante.

Secondo le rilevazione dell’Ispra entro il 2100 assisteremo alla perdita di circa 2/3 dei ghiacciai alpini, con conseguenze devastanti per la biodiversità, in termini di emissioni climalteranti e disastri ambientali ( come frane, alluvioni, erosione costiera). Alcuni fenomeni sono irreversibili, ma molto si può fare per scongiurare il “punto di non ritorno”. Da questo punto di vista, coloro che a seguito della guerra in Ucraina richiedono a gran voce uno slittamento delle tempistiche per l’attuazione della transizione ecologica, non hanno compreso che il Pianeta non aspetta le nostre convenienze economiche. Di certo, un’adeguata informazione scientifica è fondamentale per prendere contezza del rischio a cui stiamo esponendo l’umanità e il Pianeta.

Buon ascolto….

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 2 maggio 2022, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Ancora tutto fermo per quanto riguarda la Riforma del CodicI contro il maltrattamento degli animali. La Commissione Giustizia del Senato non ha trovato l’accordo per poter superare le difficoltà che hanno impantanato questo provvedimento per tanti mesi. Il testo base per superare l’impasse degli emendamenti, non è stato adottato. Si attende ancora il parere della Commissione Bilancio: parere richiesto dalla Commissione Giustizia rispetto ad una previsione dell’aumento di carico di lavoro per la Giustizia italiana riguardo alle denunce contro maltrattamento e uccisione di animali.

Un cambio di passo positivo, invece, si è registrato in merito al disegno di legge sullo spettacolo dal vivo, che contiene nuovamente la delega al Governo per il superamento dell’utilizzo degli animali nei circhi e spettacoli viaggianti, il quale ha ottenuto il parere positivo dalle Commissioni Cultura e Lavoro del Senato.

Settimana decisiva per l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri dello schema del decreto attuativo della legge delega sulla commercializzazione degli animali esotici. La scadenza è prevista per il prossimo 8 maggio: se il Ministero della Salute non presenterà lo schema di decreto, perderemo una grandissima occasione per fermare il commercio di questi animali.

Vedi la campagna della LAV Lasciamoli #acasaloro al link: https://www.lav.it/esotici

Buon ascolto….

DECRETO ENERGIA: PIÙ SEMPLIFICAZIONI PER LO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI.

Puntata di venerdì 29 aprile, ore 13.00

Con la senatrice Virginia TIRABOSCHI (FI), relatrice del decreto Energia nella Commissione Industria del Senato e l’architetto Raimondo GRASSI, Amministratore Delegato di Tea Energia

ASCOLTA IL PODCAST

L’aumento dei prezzi dell’energia ha imposto al Governo misure straordinarie e di “emergenza” per abbassare il costo finale delle bollette di luce e gas per i cittadini e i settori produttivi più colpiti, del valore di circa 16 miliardi di euro. Al di là delle norme “tampone” sarà fondamentale nei prossimi mesi sviluppare una strategia nazionale per ridurre la dipendenza energetica del nostro Paese dall’estero (in particolare dalla Russia), in grado di garantire, al contempo, la road mappa già tracciata per la transizione energetica definitiva sia in ambito europeo che di Cop26.

Il primo importante passo in questa direzione sarà l’emanazione di un nuovo decreto che dovrebbe introdurre norme volte a snellire gli iter burocratici per l’autorizzazione a produrre energia tramite fonti rinnovabili, provvedimento che il Consiglio dei Ministri dovrebbe licenziare il prossimo lunedì 2 maggio. Nel frattempo le Commissione riunite del Senato, Industria e Finanze, lavorano per chiudere l’iter di conversione del decreto-legge n. 21/22, il cosiddetto “decreto energia bis”.

Buon ascolto…

LEGISLAZIONE DI EMERGENZA E DEMOCRAZIA

Puntata di giovedì 28 aprile, ore 13.00

Con l’on. Dori DEVIS, membro del Comitato per la Legislazione della Camera dei deputati

ASCOLTA IL PODCAST

La qualità della produzione legislativa rappresenta un “termometro” attraverso cui possiamo misurare lo stato di salute della nostra democrazia. Lo “stato di emergenza” al oltranza, che in questi ultimi anni di pandemia ha contraddistinto l’agire del nostro legislatore, non ha solo imposto ad esperti e costituzionalisti di interrogarsi sulla congruità e validità degli strumenti normativi messi in atto, ma ha indubbiamente stressato il sistema di diritto su cui si poggia la nostra democrazia parlamentare.

Il pericolo è che l’emergenza diventi la normalità. In questo senso, a preoccupare è la proliferazione della decretazione d’urgenza nell’ambito dei diversi decreti energia varati dall’Esecutivo per contenere le conseguenze del rincaro dei costi dell’energia e delle materie prime. Provvedimenti d’urgenza che, dopo la fase emendativa da parte delle Camere, si trasformano in “decreti omnibus”, all’interno dei quali si trovano le norme più disparate.

In questo contesto, il Comitato per la Legislazione della Camera dei deputati sta lavorando alacremente da tempo per trovare soluzioni atte a trovare ad una “nuova normalità”, in grado di fornire al legislatore strumenti adatti per poter essere efficace nella gestione delle diverse emergenze, rispettando al contempo le prerogative costituzionalmente garantite e le fonti del diritto. Ne abbiamo parlato in questo podcast con l’on. Dori Devis.

Buon ascolto…

SAN FRANCESCO. AL VIA DAL SENATO ALLE CELEBRAZIONI PER L’OTTAVO CENTENARIO.

Puntata di giovedì 28 aprile, ore 16.00

Con la senatrice Fiammetta MODENA (FI), Commissione Giustizia del Senato

ASCOLTA IL PODCAST

In occasione dell’ottavo centenario dalla morte di San Francesco, che si celebrerà nel 2026, il Senato ha approvato mercoledì scorso una “legge speciale per Assisi” per gestire le commemorazioni del patrono d’Italia e degli animali. Il disegno di legge di iniziativa governativa, che adesso passa alla Camera per l’approvazione definitiva, è stato approvato quasi all’unanimità in un clima di forte convergenza tra le parti politiche. Il lascito spirituale che ci ha lasciato San Francesco, infatti, è un messaggio che unisce e che va ben oltre la fede religiosa.

Nello specifico, il provvedimento prevede l‘istituzione di un Comitato nazionale presso il Ministero della cultura, formato da oltre venti componenti scelti tra esponenti della cultura italiana e internazionale che possiedono comprovate competenze riguardo lo studio della vita e delle opere del santo di Assisi. Sono previsti anche componenti espressione della Regione Umbria e del Comune di Assisi, nonché il vescovo della diocesi Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e due membri della Conferenza dei ministri generali del primo ordine francescano. Al comitato è attribuito un contributo di 4.510.000 euro per gli anni dal 2022 al 2028. Potranno ora esservi destinati anche altri contributi di enti pubblici e privati, lasciti, donazioni, liberalità di altro tipo. Ne abbiamo parlato in questo podcast con la senatrice Fiammetta Modena.

Buon ascolto…

AUTOSTRADA A24-A25: QUALE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO?

Puntata di giovedì 28 aprile, ore 17.30

Con l’onorevole Marco SILVESTRONI, capogruppo di Fratelli d’Italia nella Commissione Trasporti della Camera

ASCOLTA IL PODCAST

L’odissea della Strada dei Parchi, il tratto autostradale dell’A24- A25 che collega il Lazio all’Abruzzo, non trova fine e, questa volta, il braccio di ferro tra il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili e i vertici del Gruppo Toto ( che gestisce la Strada dei Parchi), si è spostato in Parlamento. Martedì scorso, nell’ambito delle audizioni presso la Commissione Trasporti della Camera, abbiamo assistito ad uno scontro aperto con accuse reciproche e parole forti.

Nel frattempo la mancata approvazione del Piano Economico finanziario, fermo ormai al 2014, sta mettendo a rischio la sicurezza del tratto autostradale, mentre a luglio si parla di una stangata sulle tariffe dei pedaggi fino al 375% nel 2030. Costi insostenibili per i pendolari che ogni giorni attraversano l’autostrada per recarsi a lavoro o a scuola. Nel frattempo, la Commissione Trasporti della Camera si appresta ad approvare una Risoluzione per impegnare l’Esecutivo ad intervenire celermente. Ne abbiamo parlato in questo podcast con l’on. Marco Silvestroni.

Buon ascolto…

EXCELLENCE ART GALLERY – SPRING ART IN PUERTO BANUS

Puntata di mercoledì 27 aprile, ore 16.00

ITALIANI NEL MONDO – Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero, Massimo CEDRINI e Giuseppe CARNEVALE, Direttore Generale e Direttore Artistico di Excellence Art Gallery

ASCOLTA IL PODCAST

Massimo Cedrini e Giuseppe Carnevale rappresentano il talento artistico e il “genio” italiano all’estero. L’esposizione internazionale a Marbella, in Spagna, dal titolo “Spring Art in Puerto Banus”, promossa ed organizzata da Excellence Art Gallery, è un omaggio all’arte italiana ma anche un’occasione per tanti artisti di tutte le nazionalità per esporre le loro opere. In questo senso, il lavoro dei nostri connazionali all’estero è anche un volano per far promuovere la lingua e la cultura italiana.

Per i tanti italiani che andranno a trascorrere giornate di vacanza in Spagna, fino al 9 maggio sarà possibile visitare la mostra d’arte a Marbella. Per maggiori info: https://excellenceartgallery.com

Buon ascolto…

PESTICIDI: LA PANDEMIA SILENZIOSA

Puntata di giovedì 14 aprile, ore 16.00

Con il sen. Fabrizio TRENTACOSTE, Commissione Agricoltura del Senato e Franco FERRONI, responsabile Agricoltura del WWF Italia

ASCOLTA IL PODCAST

In occasione della Giornata Mondiale della Salute, il WWF ha pubblicato il Report sui pesticidi :”La pandemia silenziosa”. Una denuncia che punta il dito sull’uso ancora molto alto dei fitofarmaci nella produzione agroalimentare, che sta mettendo a rischio tanto la salute del Pianeta quanto quella degli esseri umani.

Ogni anno nel mondo ci sono 385 milioni di casi di avvelenamento acuto non intenzionale e 11 mila decessi legati all’inquinamento da pesticidi. Dati che dovrebbero suonare come un pericoloso campanello d’allarme, invece c’è già chi, cavalcando l’onda della crisi economica ed energetica, chiede una proroga dei tempi per l’attuazione della transizione ecologica delineati sia dalle Strategie europee sia dal Pnrr.

È tempo di comprendere che i cambiamenti climatici non si possono fermare con un provvedimento legislativo, e questi tentennamenti ci stanno spingendo verso il punto di non ritorno. La scienza e l’innovazione tecnologica ci stanno dando la possibilità di trasformare la nostra agricoltura in un sistema sostenibile, ma la transizione deve essere anzitutto culturale.

Buon ascolto…

PNRR E SUD: QUOTA 40% A RISCHIO

Puntata di giovedì 14 aprile, ore 15.00

Con il senatore Marco PELLEGRINI, membro della Commissione Bilancio, e Carmelo PETRAGLIA, Consigliere Economico di SVIMEZ

ASCOLTA IL PODCAST

Prosegue il lungo e faticoso percorso per la messa a terra del Pnrr. Entro fine giugno il nostro Paese dovrà conseguire importi target e obiettivi declinati nel Pnrr, senza il raggiungimento dei quali l’Europa non provvederà all’erogazione delle successive rate economiche.

Proprio per questo, l’attenzione e la vigilanza sull’esecuzione del Piano nazionale deve essere di massima allerta. In questo senso, la Nota diffusa dalla Svimez sulla quota del 40% delle risorse destinate al Sud, va letta come un monito per prevedere utili azioni correttive in corso d’opera.

Buon ascolto…

ITALIANI DEL MONDO: LE ELEZIONI IN UNGHERIA

Puntata di lunedì 11 aprile, ore 18.00

Con l’on. Simone Billi, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera, Maurizio SAULI e Francesco ALLEVA, presidente e tesoriere del COMITES Ungheria

ASCOLTA IL PODCAST

Con le elezioni politiche dello scorso 3 aprile, gli ungheresi hanno riconfermato la loro fiducia a Viktor Orban, che inizia così il suo quarto mandato alla guida del Paese. Una vittoria che è andata ben oltre pronostici e sondaggi, e che ha premiato la linea di Orban sia riguardo la gestione della pandemia sia riguardo alla sua posizione di “neutralità” in merito al conflitto in corso tra Russia e Ucraina.

Un podcast per scoprire un’Ungheria diversa, raccontata dall’esperienza degli italiani che vivono da decenni in loco. E, come hanno dichiarato Maurizio Sauli e Francesco Alleva ai microfoni di Radio Parlamentare, la rappresentazione che ci viene propinata dal nostro mainstream nazionale spesso è molto diversa dalla realtà.

Buon ascolto…

STOP AL CRUDELE VIAGGIO DI MIGLIAIA DI AGNELLINI PER IL PRANZO DI PASQUA

Puntata di lunedì 11 aprile, ore 16.00

EUROPA VERDE

Con l’eurodeputata Eleonora EVI, co-portavoce nazionale di Europa Verde e Simone MONTUSCHI, presidente dell’Associazione Essere Animali.

ASCOLTA IL PODCAST

In queste ore centinaia di migliaia di piccoli agnellini provenienti da diversi Paesi europei, sono costretti ad estenuanti viaggi, anche di 30 ore consecutive, per essere macellati in Italia ed essere serviti per il pranzo di Pasqua.

L’on. Eleonora Evi, insieme ai volontari dell’Associazione “Essere Animali” stanno monitorando il flusso di questi camion della morte per denunciare, grazie alla collaborazione con le nostre forze dell’ordine, le violazioni al Regolamento europeo che regola il trasporto degli animali vivi. Un Regolamento datato, che non tiene adeguatamente conto della sofferenza inferta agli animali. Eppure costantemente violato. La Commissione europea si impegnata nel 2023 a riscrivere nuove regole, più stringenti e rispettose della Vita degli animali.

Fino ad allora, ognuno di noi potrà scegliere di non essere complice di queste crudeltà. Questi poveri agnellini arrivano soprattutto da Romania e Ungheria, diretti nella maggior parte dei casi nei mattatoi del Lazio e della Puglia. Tutta questa sofferenza per far risparmiare qualche euro ai “consumatori” italiani. La Pasqua dovrebbe evocare la rinascita, la resurrezione, non morte e crudeltà inutili ed evitabili. È tempo di interrogare le nostre coscienze, per chiederci quanto valgono vecchie consuetudini e tradizioni di fronte alla sofferenza generata in grande scala dal consumismo globale.

Documentare le atrocità a cui sono sottoposti gli animali è una “missione” emotivamente difficile. All’on. Evi ed ai volontari di Essere Animali, il nostro più vivo ringraziamento per la loro azione e il loro sacrificio personale.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 11 aprile, ore 14.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Ore cruciali per la riforma dei Codici per la tutela degli animali. Dopo oltre un anno e mezzo di stallo, la Commissione Giustizia del Senato mercoledì prossimo dovrà decidere se adottare un nuovo testo unico. Diversamente, considerando che manca meno di un anno alla fine della Legislatura, la riforma potrebbe definitivamente naufragare.

Sono in corso nelle Commissioni Bilancio di Camera e Senato le audizioni in merito al Documento di Economia e Finanze (DEF): si auspica un coinvolgimento anche delle Associazioni animaliste e, soprattutto, l’integrazione della previsione dell’abbassamento dell’Iva sui prodotti alimentari per gli animali.

Il Commissario straordinario per la gestione dell’emergenza peste suina ha emanato un’importante ordinanza che riconosce il diritto di possedere un maiale come animale da compagnia e non solo per la macellazione.

Attesa per l’emanazione, da parte dei Ministeri della Salute e della Transizione Ecologica, del decreto attuativo per fermare il commercio di animali esotici. La delega scadrà il prossimo 8 maggio: se il decreto non verrà emanato, perderemo una grandissima opportunità.

Buon ascolto…

VERDE È POPOLARE. IL NUOVO PARTITO DEMOCRISTIANO ED ECOLOGISTA.

Puntata di sabato 2 aprile, ore 19.00

Con l’on. Gianfranco ROTONDI, fondatore e presidente di “Verde è popolare”

ASCOLTA IL PODCAST

È ufficialmente nato oggi a Roma il partito green italiano Verde è popolare, una nuova realtà politica che unisce democristiani e ambientalisti in un unico soggetto “ibrido ed ecologico” a matrice cattolica, che si pone nello scenario politico nazionale né a destra né a sinistra. In questa visione, Verde è popolare intende confrontarsi con le altre forze politiche partendo dai programmi. Un’interessante e nuovo contenitore politico che intende sganciare l’ambientalismo italiano dalla solita connotazione che guarda soltanto “a sinistra”.

Per i cattolici – ci ha spiegato l’on. Rotondi – l’ambiente è un sistema di relazioni che lega tra loro gli umani, le altre specie animali e la natura. In quest’ottica, la difesa della pace, della persona e del Pianeta sono aspetti interconnessi tra loro, dai quali non si può prescindere nemmeno in tempo di guerra.

Buon ascolto…

LA PAROLA AI SINDACI. FRUTTINFIORE A LAGNASCO.

Puntata di venerdì 1° aprile 2022, ore 15.00

Con Roberto DALMAZZO, Sindaco di Lagnasco e la partecipazione del sen. Andrea DE CARLO, responsabile Dipartimento Agricoltura di Fratelli d’Italia.

La 20a edizione della manifestazione FRUTTINFIORE è stata l’occasione per discutere di agricoltura in chiave di progresso e innovazione. La pandemia prima, e adesso la crisi economica ed energetica, hanno reso evidente quanto il comparto agricolo sia strategico per il Paese. Parimenti, gli atavici problemi del settore rappresentano in questo momento un freno per reagire in tempi brevi alle sfide che ci attendono. Siamo quasi fuori tempo massimo. Servono risorse adeguate ma, soprattutto, serve una “visione” politica per traghettarci nell’agricoltura del futuro. In questo senso, il ruolo degli Enti locali sarà fondamentale per tracciare il perimetro e le priorità di questo percorso.

Buon ascolto…

LONG COVID. COS’È E COSA FARE

Puntata di venerdì 1° aprile 2022, ore 11.00

Con l’on. Vito DE FILIPPO, coordinatore Rete Sanità e Regioni del Partito Democratico e il prof. Fabrizio PREGLIASCO, virologo

ASCOLTA IL PODCAST

Inizia oggi una fase nuova per il Paese. Con la fine dello stato di emergenza e l’allentamento progressivo delle restrizioni personali per contenere la pandemia, dovremmo trovare un nuovo equilibrio per convivere con questo virus. Siamo usciti dall’emergenza, ma il Covid continuerà ancora a fare parte delle nostre vite, con un autunno che potrebbe riservarci ancora delle sorprese. In questo senso “gradualità” è sinonimo di “responsabilità”, e già la politica si sta attivando per la campagna vaccinale di questo inverno. Perchè con questa malattia, non si scherza.

Sono in aumento, infatti, i casi di “long covid”, ossia disturbi e manifestazioni cliniche che insorgono dopo aver contratto il virus, anche se in forma lieve. Un problema che sta riguardando anche molti bambini. Problemi respiratori, affaticamento cronico, dolori muscolari e articolari, mal di testa, insonnia, palpitazioni, sono tra i i disturbi più ricorrenti.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 28 marzo, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Oggi il voto, nelle Commissioni riunite Salute e Agricoltura del Senato, degli emendamenti al decreto-legge recante misure urgenti per arrestare la diffusione della peste suina africana (PSA). Sempre in Senato, nella Commissione Agricoltura, è previsto per giovedì il termine per la presentazione degli emendamenti al ddl in materia di danni (presunti) provocati dalla fauna selvatica.

Prevista per oggi, nella Commissione Agricoltura della Camera, l’ audizione della Sottosegretaria per la Transizione ecologica, Vannia Gava, sulle problematiche connesse alla gestione della fauna selvatica, con particolare riferimento al ruolo dell’ISPRA nella raccolta dei dati, nonché sul Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia.

Dalle “zone di guerra”, buone notizie riguardo le condizioni di Andrea Cisternino. È vivo e sta bene, ma le condizioni in loco continuano ad essere molto difficili e pericolose, anche perché in mancanza di corridoi umanitari gli aiuti non riescono ad arrivare a destinazione. Gli oltre 400 animali del rifugio di Cisternino sono rimasti senza viveri. Per quanto riguarda lo stop all’arrivo nel nostro Paese di animali provenienti dai rifugi dell’Ucrainina, nessun ripensamento da parte del Ministero della Salute, nonostante le pressioni ( e le rassicurazioni) da parte delle Associazioni animaliste.

Buon ascolto…

LE ORIGINI DEL CONFLITTO RUSSIA-UCRAINA

Puntata di giovedì 24 marzo, ore 18.30

Con Michele MERENDA, storico

In questo podcast siamo andati, con Michele Merenda, a “rispolverare” i libri di storia, per capire le cause di questo tragico conflitto bellico. Russia e Ucraina sono due entità ben distinte, unite però da un destino tanto comune quanto travagliato già a partire dal IX secolo, quando venne creato il Principato di Rus’ o Principato di Kiev.

Nel conflitto in corso la storia rappresenta un elemento dirimente, dal momento che proprio il presidente russo,Valdimir Plutin, ricollega ad essa le sue presunte “ragioni”. Questa posizione appariva chiara in diversi scritti pubblicati negli ultimi anni dallo stesso presidente russo. Da ultimo, in un articolo edito nel luglio 2021, Putin affermò che il muro “storico e spirituale” eretto tra i due popoli era da considerarsi alla stregua di una tragedia. Insomma, le avvisaglie della guerra c’erano da tempo.

Purtroppo, l’Occidente e, in particolare, l’Europa, non hanno saputo ( o voluto) cogliere questi indizi pericolosi, lasciando il tempo alla Russia di organizzarsi per l’invasione dell’Ucraina.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 21 marzo, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. La Commissione Agricoltura della Camera ha adottato il testo base proposto dall’on. Caretta (FdI) in materia di danni provocati dalla fauna selvatica. Un testo che, senza le opportune modifiche, rappresenta un forte arretramento per la tutela delle specie animali selvatiche a vantaggio delle attività venatorie. In questa direzione, purtroppo, sta andando un altro provvedimento incardinato nella Commissione Agricoltura di Montecitorio e che riguarda norme per la semplificazione in agricoltura, nel quale è prevista l’estensione dei periodi di caccia e delle specie cacciabili.

In Senato, invece, nelle Commissioni Sanità e Agricolturà è previsto per giovedì l’esame degli emendamenti al decreto-legge per contenere i danni arrecati dalla peste suina africana. Il testo prevede l’estensione della caccia ai cinghiali anche nelle Regioni nelle quali non ci sono casi di PSA.

C’è molta apprensione in questi giorni Andrea Cisternino, il nostro connazionale che da 13 anni gestisce un rifugio in Ucraina che ospita più di 400 animali e che è rimasto in territorio di guerra per accudire i suoi animali. Da due giorni non si hanno notizie di Cisternino e le scorte di cibo ed acqua per gli animali sono terminate. Possiamo sensibilizzare la Farnesina ad un intervento immediato, scrivendo una e-mail a: unita.crisi@esteri.it

Infine, proprio questa mattina il Ministero della Salute ha reso noto che non sarà più possibile fare entrare in Italia animali provenienti dall’Ucraina non accompagnati dai profughi. In pratica le Associazioni animaliste che in queste settimane si stanno adoperando per portare in salvo gli animali più sfortunati, non potranno più farli entrare nel nostro Paese. La Lav ha chiesto al Ministro Speranza di rivedere questa decisione, affidando alle associazioni animaliste riconosciute dal Ministero della Salute il compito di portare in salvo questi animali, in tutta sicurezza dal punto di vista delle vaccinazioni e del periodo di isolamento preventivo. Possiamo aiutare la LAV in questa opera di sensibilizzazione scrivendo al Ministro della Salute, esortandolo a rivedere questa decisione:
e-mail: segreteriaministro@sanita.it, twitter/facebook: @robersperanza

VIA LIBERA DAL SENATO ALLA VALORIZZAZIONE DELLE PICCOLE PRODUZIONI LOCALI.

Puntata di giovedì 17 marzo, ore 13.00

Con la partecipazione del senatore Giorgio Maria BERGESIO (Lega), membro della Commissione Agricoltura del Senato e Mattia QUAGLIA, Assessore all’Agricoltura del Comune di Verzuolo.

ASCOLTA IL PODCAST

Martedì scorso, 15 marzo, l’Assemblea del Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge in materia di norme per la valorizzazione delle piccole produzioni agroalimentari di origine locale, di cui il senatore Bergesio è stato relatore.Un importante provvedimento per la valorizzazione e promozione della produzione, trasformazione e vendita, da parte degli imprenditori agricoli e ittici, di limitati quantitativi di prodotti alimentari primari e trasformati, di origine animale o vegetale, ottenuti da produzioni aziendali, che saranno riconoscibili attraverso la specifica etichetta “PPL”, ossia “Piccole Produzioni Locali”.

L’ambito di applicazione di questa legge ricomprende non solo le aziende agricole o ittiche ma gli Istituti tecnici e professionali a indirizzo agrario e alberghiero ristorativo che, nello svolgimento della propria attività didattica, producono o trasformano piccole quantità di prodotti primari e trasformati.

Inoltre, l’Aula di Palazzo Madama, sempre nella giornata di martedì 15 marzo, ,ha approvato, con modificazioni, un altro importante provvedimento per il comparto agricolo riguardante la valorizzazione e la promozione dei prodotti agricoli e alimentari a chilometro zero e di quelli provenienti da filiera corta, che adesso passa di nuovo alla Camera per l’approvazione ( speriamo) definitiva.

Buon ascolto…

LA PAROLA AI SINDACI. SI RIPARTE DAL TERRITORIO – MORETTA.

Puntata di giovedì 17 marzo, ore 11.00

Con Gianni GATTI, Sindaco di MORETTA e la partecipazione dell’on. Antonio ZENNARO (Lega), membro della Commissione Finanze della Camera.

ASCOLTA IL PODCAST

In questo podcast di LA PAROLA AI SINDACI, siamo andati a conoscere il Comune di Moretta, in provincia di Cuneo. Una vivace realtà territoriale dove tradizione e sviluppo hanno creato un florido sviluppo produttivo. Morretta, infatti, con i suoi quattro mila abitanti, ospita importanti industrie agroalimentari, come la ditta Inalpi e il pastificio Rana.

Come tutti i piccoli Comuni, anche l’amministrazione di Moretta è alle prese con i bandi del Pnrr, per cercare di cogliere tutte le opportunità che il Next Generation EU sta mettendo a disposizione del nostro Paese. In particolare, anche a Moretta, il bando relativo agli investimenti per i progetti di rigenerazione urbana, sta generando un coacervo problemi invece di rappresentare un’opportunità per il territorio. Alle criticità che la politica ha già evidenziato, dovute soprattutto ai criteri di assegnazione delle risorse attraverso l’indice di vulnerabilità sociale ed economica, il Sindaco Gianni Gatti lamenta delle difficoltà oggettive a cui va incontro il c.d. Comune capofila, il quale dovrebbe far transitare sul proprio bilancio tutte le risorse, per poi distribuirle agli altri Comuni facenti parte del progetto. Inoltre, sempre il Comune capofila avrebbe l’onere di gestire le gare, i pagamenti, nonché dovrebbe anche anticipare l’80 per cento delle spese. In pratica, senza una modifica delle attuali regole d’ingaggio, il Comune di Moretta e gli altri cinque piccoli Enti territoriali che si sono uniti per portare sul territorio queste importanti risorse, rischiano di perdere 5 milioni di euro. C’è ancora un mese di tempo ( fino alla fine di aprile), per superare questi colli di bottiglia burocratici e legislativi, e venire incontro alle richieste del territorio. Da questo punto di vista, l’onorevole Antonio Zennaro si è impegnato a portare all’attenzione dell’Esecutivo e degli Enti preposti, le difficoltà pratiche che i piccoli Comuni stanno incontrando nella messa a terra del Pnrr.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di martedì 15 maggio, ore 11.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. In Senato, continua l’iter di due importanti provvedimenti: nella Commissione Giustizia, la riforma dei Codici per la tutela degli animali e, nella Commissione Cultura, la Delega per lo spettacolo dal vivo ( che dovrebbe vietare l’uso degli animali nei circhi). Sempre in Senato, settimana decisiva nella Commissione Bilancio per il decreto Sostegni-ter. Nell’ambito di questo decreto, si segnalano emendamenti negativi che prevedono agevolazioni per gli allevamenti intensivi, facilitazioni in ambito di certificazione per la vendita di uccelli e per il consumo di carne di animali selvatici. Altro provvedimento in corso di conversione a Palazzo Madama è il decreto per il contrasto della diffusione della peste suina, nell’ambito del quale il Ministro dell’Agricoltura Patuanelli ha inserito, impropriamente, norme per l’ulteriore abbattimento dei cinghiali anche nelle regioni non interessate dalla peste suina ( al momento sono soltanto Liguria e Piemonte).

Riguardo l’emergenza profughi, la LAV e le Associazioni animaliste chiedono a gran voce alle regioni di emanare quanto prima ordinanze specifiche per dare alle Asl locali delle regole precise da rispettare riguardo l’accoglienza degli animali domestici che arrivano nel nostro Paese al seguito dei profughi ucraini. Al momento soltanto il Friuli -Venezia Giulia, la Toscana e l’Emilia Romagna hanno emesso un’apposita ordinanza.

Infine, a questo link troverete la registrazione dell’evento organizzato dalla LAV “Animali, Ambiente, Biodiversità ed Ecosistemi sono entrati nei principi fondamentali della Costituzione: cosa cambia, cosa dovrà cambiare”, che si è svolto mercoledì 9 marzo, presso la Sala Zuccari del Senato: https://www.lav.it/news/convegno-senato-animali-costituzione.

Buon ascolto…

DEFORESTAZIONE. L’IMPATTO DEI CONSUMI EUROPEI NELLA DISTRUZIONE DEGLI ECOSISTEMI DEL PIANETA.

Puntata di venerdì 11 marzo, ore 15.00

Con l’on. Tiziana BEGHIN, capodelegazione al Parlamento europeo del M5S e Eva ALESSI, responsabile Sostenibilità del WWF Italia.

ASCOLTA IL PODCAST

La lotta alla deforestazione inizia nel nostro carrello della spesa. È questo il messaggio che ha lanciato il WWF per sensibilizzare i cittadini europei ad essere maggiormente consapevoli delle conseguenze delle proprie scelte alimentari. L’Europa è sempre più attenta a livello normativo alla salvaguardia dell’ambiente, tuttavia importiamo una grandissima quantità di materie prime e prodotti da Paesi Terzi, ad esempio dal Sud America, che sono responsabili della distruzione di interi ecosistemi, non solo foreste ma anche praterie e savane. Interi habitat naturali distrutti per fare posto a distese di soia che devono rifocillare gli animali detenuti negli allevamenti intensivi, la cui carne è prodotta per il consumatore europeo. Una contraddizione ( o ipocrisia) di cui siamo tutti corresponsabili.

L’auspicio è che l’Unione europea, nella revisione della legge anti deforestazione, blocchi l’immissione sul mercato europeo di tutte quelle materie prime e prodotti derivati, la cui coltivazione, raccolta o produzione sono causa diretta della distruzione di foreste e della biodiversità.

Ognuno di noi, ogni giorno, può fare la differenza: scegliendo cibi con un minore impatto ambientale oppure rendendosi complici della catastrofe ambientale che sta pericolosamente portando il Pianeta ad un punto di non ritorno.

Possiamo anche sostenere il lavoro degli europarlamentari impegnati per l’approvazione di una normativa più stringente nell’ambito della lotta alla deforestazione firmando la petizione del WWF : https://www.wwf.it/cosa-puoi-fare-tu/petizioni/together4forests/.

Buon ascolto…

L’UFFICIO FORESTALE UE ARRIVA IN ITALIA. OBIETTIVI E TUTELE IN TEMPO DI GUERRA.

Puntata di venerdì 11 marzo, ore 12.00

Con l’on. Iolanda DI STASIO, membro della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei deputati e Ezio DANIELE, presidente di Assoimballaggi.

ASCOLTA IL PODCAST

Mentre la Camera dei deputati si appresta a ratificare l’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e l’Istituto Forestale Europeo, creato nel 1993 allo scopo di fornire informazioni e ricerche nel campo delle scienze forestali, il “legno” sta diventando una merce rara, sia in termini di approvvigionamento sia di prezzi della materia prima.

La pandemia e il conflitto bellico in corso hanno portato a galla tutte le criticità e le contraddizioni della legislazione europea e nazionale. L’Europa si è dotata di una normativa anti deforestazione che tutela efficacemente il nostro patrimonio forestale, parimenti è fortemente dipendente dall’importazione di legno da Stati extra UE. Soltanto l’Italia importa l’80 per cento del legno da Paesi stranieri, la maggior parte dei quali sono responsabili della distruzione di interi ecosistemi nel mondo.

L’apertura in Italia di una sede dell’Ufficio Forestale Europeo potrà essere d’impulso per una proficua collaborazione tra Enti di ricerca, politica e attori privati del settore, a garanzia di una catena di produzione del legno che miri ad utilizzare le risorse naturali nazionali in un’ottica di economia circolare, trasformando le sfide ambientali anche in una opportunità di crescita.

Buon ascolto…

DIGITALIZZAZIONE E INTEROPERABILITÀ DEI DATI FISCALI.

Puntata di giovedì 10 marzo, ore 15.00

Con Ugo PAROLO (Lega), presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza Tributaria.

ASCOLTA IL PODCAST

La Commissione di Vigilanza Tributaria ha svolto una lunga ed elaborata indagine conoscitiva, iniziata nell’aprile 2021, volta a fotografare la situazione attuale nel nostro Paese in termini di digitalizzazione e interoperatività dei dati fiscali, per comprendere se le diverse banche dati ad oggi esistenti siano in grado di scambiarsi informazioni tra loro ed utilizzare questi dati in maniera efficace (vedi documento conclusivo). Un tema di stretta attualità, dal momento che la materia rientra tra le linee di intervento del PNRR, soprattutto in termini di realizzazione di un Cloud della PA o Polo Strategico Nazionale, che dovrebbe portare il 75% delle amministrazioni italiane ad utilizzare servizi in cloud entro il 2026.

Nello specifico, l’interoperabilità delle banche dati fiscali rappresenta uno strumento importante sia in termini di contrasto all’evasione fiscale e ai reati finanziari, sia di semplificazione e trasparenza degli adempimenti fiscali dei cittadini secondo il principio “once only”, in base al quale il cittadino deve poter fornire “una sola volta” le proprie informazioni alla PA. Un’interessante podcast per conoscere luci ed ombre del sistema e la direzione verso la quale il Pnrr sta traghettando il Paese.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 7 marzo, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. È ripreso, nella Commissione Giustizia del Senato, l’iter della riforma dei Codici per la tutela degli animali per l’inasprimento delle pene in ambito di maltrattamento degli animali, impantanato da oltre un anno e mezzo a causa dell’ostruzionismo della Lega. Sempre in Senato, le Commissioni Agricoltura e Sanità sono impegnate nella conversione del decreto legge per il contrasto della diffusione della peste suina che prevede al suo interno, in maniera impropria, un piano speciale per l’abbattimento dei cinghiali anche nelle Regioni e Province Autonome dove non c’è traccia di casi di peste suina. Al riguardo si segnala che domani, martedì 8 marzo, alle ore 10,00, si svolgerà nell’ambito dell’esame del decreto sulla peste suina l’audizione dei rappresentanti della Lav. Sulla stessa materia è intervenuto anche il decreto Sostegni ter, con la previsione di ulteriori finanziamenti per il comparto suinicolo: atteso per domani nella Commissione Bilancio il voto sugli emendamenti.

Alla Camera, invece, nella Commissione Agricoltura, è prevista per mercoledì 9 l’audizione del Ministro per la Transizione Ecologica sulle problematiche connesse alla gestione della fauna selvatica, con particolare riferimento al Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Dopo le sortite del Ministro Cingolani sull’eventualità di aprire in Italia una nuova stagione di caccia ai lupi, attendiamo di conoscere l’intendimento del MITE per la tutela del lupo, specie protetta a livello europeo.

Infine, si segnala l’evento organizzato dalla LAV a seguito dell’approvazione dell’art. 9 della Costituzione, dal titolo: “Animali, Ambiente, Biodiversità ed Ecosistemi sono entrati nei principi fondamentali della Costituzione: cosa cambia, cosa dovrà cambiare”. L’appuntamento è per mercoledì 9 marzo, dalle ore 14.00, presso la Sala Zuccari del Senato. È possibile seguire l’evento in diretta su webtv.senato.it

Buon ascolto…

LA GIUNGLA DEI BONUS EDILIZI.

Puntata di giovedì 3 marzo, ore 13.00

Con Riccardo ALEMANNO, presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi.

ASCOLTA IL PODCAST

Continua l’odissea normativa dei bonus edilizi, che ha creato una impasse difficile da superare in tempi brevi. Ieri alla Camera il Ministro dell’Economica, Daniele Franco, ha tenuto un’informativa parlamentare nell’ambito della quale ha confermato come il danno erariale derivante dalle false cessioni abbia assunto proporzioni estremamente rilevanti: si parla complessivamente di 5 miliardi di euro.

In discussione non c’è l’utilità dello strumento dei bonus fiscali, tuttavia, è chiaro che la totale deresponsabilizzazione finanziaria del cittadino ha generato un effetto dopante sul mercato, con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. Come uscirne fuori? Anzitutto, occorre certezza normativa, che in altre parole significa rendere strutturali le detrazioni fiscali con una quota d’intervento statale sicuramente ben lontana dal 110%.

Purtroppo l’incertezza legislativa sembra diventata una costante nelle politiche nazionali, un segnale che denota la poca chiarezza sugli obiettivi politici che si vogliono perseguire. Il tutto a discapito di un sistema produttivo che per uscire dalla crisi pandemica ha bisogno di pianificazione e snellimento delle procedure. La delega fiscale e la riforma del catasto, non sembrano andare in questa direzione. In questo contesto, l’ombra del conflitto tra Russia-Ucraina si abbatterà pesantemente sulla nostra economia, con conseguenze devastanti per la ripresa nazionale.

Buon ascolto…

GUERRA RUSSIA-UCRAINA. LA TRANSIZIONE ECOLOGICA È A RISCHIO?

Puntata di mercoledì 2 marzo, ore 12.00

Con Edo RONCHI, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

ASCOLTA IL PODCAST

Con lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, c’è chi ha cominciato a mettere in discussione la transizione ecologica declinata dal Green Deal europeo. In realtà, come ci ha spiegato Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, l’Italia e l’Europa hanno bisogno di più rinnovabili per superare la crisi energetica e diminuire la dipendenza energetica dalla Russia.

L’emergenza climatica non può aspettare, occorre un piano energetico nazionale di emergenza che preveda un programma straordinario per la rapida crescita delle rinnovabili. Proprio in questi giorni l’Associazione Elettricità futura, ha portato all’attenzione del Governo la proposta di realizzare 60 GW di impianti rinnovabili nei prossimi tre anni. C’è la capacità industriale. Sono già pronti i progetti e i finanziamenti. Mancano soltanto le autorizzazioni, per le quali in Italia sono previste procedure eccessivamente lunghe e farraginose.

Prima di invocare il ritorno alle centrali a gas e al nucleare, dovremmo fare il possibile per sviluppare appieno le potenzialità che il nostro territorio ci offre per lo sviluppo di energia rinnovabile.

Buon ascolto…

GUERRA RUSSIA-UCRAINA. IL PONTE DI SOLIDARIETÀ PER SALVARE I PROFUGHI.

Puntata di mercoledì 2 marzo, ore 11.00

Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera dei deputati e Giovanni BALDANTONI, Segretario dell’Associazione Cuochi Italiani – Romania.

ASCOLTA IL PODCAST

Dall’inizio del conflitto armato, migliaia di cittadini ucraini sono stati costretti ad abbandonare le loro case, i loro affetti, e tutto ciò che possedevano per sfuggire dalla guerra. Immediatamente si è creato un ponte di solidarietà per soccorrere e dare rifugio a quante più persone possibile. In quest’ambito la catena solidale creata dall’Associazione Cuochi italiani in Romania, sta fornendo non soltanto viveri al confine con l’Ucraina ma, con le altre associazioni in loco, si sta creando una rete per ospitare queste “famiglie spezzate” in Italia e nei vari Paesi europei. Si tratta soprattutto donne e bambini, mentre gli uomini sono rimasti in Ucraina a combattere per la libertà del loro Paese. Adesso, però, il lodevole supporto offerto dai volontari italiani all’estero abbisogna di un coordinamento con le istituzioni nazionali, ci ha spiegato Giovanni Baldantoni, Segretario di ACI. Un appello che l’onorevole Simone Billi, che rappresenta proprio gli italiani all’estero, non lascerà inascoltato.

In questo momento c’è bisogno del supporto di tutti. Chi vorrà potrà donare, anche soltanto un euro, alle seguenti coordinate bancarie:

ASSOCIAZIONE CUOCHI ITALIANI

RON : RO52INGB00009999 09595797

EUR: RO47INGB00009999 09595887

SWIFT INGBROBU

ING Bank N.V. Amsterdam Sucursala Bucuresti

CAUSALE: donazione pro ukraina

Buon ascolto…

GUERRA RUSSIA-UCRAINA. LE CONSEGUENZE SUI MERCATI FINANZIARI.

Puntata di lunedì 28 febbraio, ore 15.30

Con Alessandro CARBONE, consulente finanziario e patrimoniale

mail@alessandrocarbone.it

ASCOLTA IL PODCAST

In questo interessante podcast il dott. Alessandro Carbone ci ha fornito importanti consigli per affrontare le conseguenze sui mercati finanziari del conflitto tra Russia e Ucraina. Lo scenario inflazionistico e la crescente volatilità dei mercati rischiano di generare una “fuga dal rischio” da parte dei risparmiatori italiani. Tuttavia, proprio in questo momento è fondamentale non prendere scelte dettate dalla paura, che alimentano vendite frenetiche poco provvidenziali. Proprio in questo momento è vincente una strategia a lunga scadenza, nonché investire su asset strategici per non incorrere in una svalutazione dei nostri capitali.

Buon ascolto..

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 28 febbraio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. È già iniziata la campagna della Lav a sostegno degli animali in Ucraina, che ha già inviato il primo contributo all’Animal shelter Sirius, nella regione di Kyiv, che con i suoi 3.165 cani è il  più grande rifugio del Paese. La Lav ha anche chiesto al Ministro della Salute, Roberto Speranza, una deroga al Regolamento europeo 576/2013 per consentire l’ingresso in Italia ai profughi accompagnati dai loro animali anche in assenza del passaporto sanitario. Nel frattempo di volontari sono già attivi a Trento, dove sono arrivati i primi profughi, per fornire assistenza agli animali, cibo, cure veterinarie e stalli laddove necessario. Per informazioni e assistenza, contattare il numero LAV: +39 06 4461325.

In ambito parlamentare, invece, questa settimana in Senato si discuteranno gli emendamenti al Decreto Sostegni-ter che, a fronte dell’epidemia di peste suina, prevede un fondo di 50 milioni per il comparto suinicolo. Sempre in Senato, si attende l’inatteso parere della Commissione Bilancio in merito alla riforma dei Codici per la tutela degli animali, impantanato da oltre un anno nella Commissione Giustizia e che dovrebbe inasprire le pene per il maltrattamento degli animali. Alla Camera, invece, nella Commissione Agricoltura, sono previste le votazioni degli emendamenti alla proposta di legge in materia di semplificazione per il settore agricolo, alcuni dei quali prevedono l’aumento del periodo e del territorio di caccia.

Buon ascolto…

16° EDIZIONE FESTIVAL ITALIART DI DIGIONE.

Puntata di mercoledì 23 febbraio, ore 11.30

Con l’on.Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero e Vincenzo CIRILLO, direttore artistico di Italiart a Dijon.

ASCOLTA IL PODCAST

Il prossimo 2 marzo prenderà il via la 16a edizione del Festival ITALIART di Digione organizzata da Vincenzo Cirillo, fondatore e direttore artistico della manifestazione. Un mese di spettacoli, tra presente e passato, che rappresentano un tributo all’arte italiana: musica, teatro, mostre, gastronomia. In questo podcast troverete tutte le specifiche per conoscere i particolari delle manifestazioni in cartellone, raccontate in maniera travolgente da Vincenzo Cirillo. È possibile seguire gli eventi del Festival su: http://www.ombradipeter.com/.

Inoltre, domani, alle ore 12.00, presso la Sala stampa della Camera dei deputati, si terrà la presentazione istituzionale del Festival, promossa dall’on. Simone Billi, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera, con la partecipazione di Sladana Zivkovic, Assessore alle Relazioni internazionali di Digione.

Buon ascolto…

CRISI RUSSIA UCRAINA. LA POSIZIONE DELL’ITALIA, I RISCHI PER L’EUROPA.

Puntata di mercoledì 23 febbraio, ore 18.00

Con il sen. Massimo CANDURA (Lega), Vicepresidente della Commissione Difesa del Senato.

ASCOLTA IL PODCAST

La crisi tra Russia e Ucraina sta facendo tremare un Occidente che non sembra avere una valida strategia per affrontare questa grave situazione, che rischia di degenerare da un momento all’altro in un conflitto armato. Cosa fare? E a quali rischi si sta esponendo l’Europa? Il senatore Massimo Candura, vicepresidente della Commissione Difesa di Palazzo Madama, a seguito dell’informativa odierna del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, rievoca l’adagio “Conosci il tuo nemico” per cercare di affrontare con pragmatico ( e meno ideologismo) la situazione. Dimenticare il punto di vista dell’altro – spiega il vicepresidente Candura – significa prendere decisioni su presupposti errati. Mentre per l’Occidente la questione riguarda la violazione di una sovranità territoriale, per la Russia l’Ucraina rappresenta un territorio fondamentale dal punto di vista securitario. Tutte le invasioni subite dalla Russia, infatti, sono arrivate dall’Occidente, e territori come l’Ucraina e la Bielorussia hanno sempre assolto il compito di “ammortizzare”, per così dire, l’avanzata occidentale.

In quest’ottica, il fatto che il 12 giugno 2020 l’Ucraina abbia conseguito lo status di un Partner con le opportunità potenziate (Enhanced Opportunities Partner) nella Nato, ha enormemente preoccupato ( anche dal punto di vista psicologico) la Russia di Putin. Anche perché da ciò ne consegue l’interoperabilità delle forze armate dell’Ucraina con quelle dell’Alleanza Atlantica. Ciò detto, rimane il fatto che Putin abbia violato degli Accordi internazionali. Tuttavia, se vogliamo comprendere il “perché” di questa crisi e trovare delle adeguate soluzioni, dobbiamo tenere presente la percezione della nostra controparte. Del resto, anche l’Europa guarda con l’allarmismo l’avanzata cinese nei Balcani, cioè ai confini europei, e si sta adoperando per limitarla.

Un interessante approccio, quello del senatore Candura, che coglie delle sfumature di questa crisi che gran parte dell’opinione pubblica ( e anche della politica) sta ignorando.

Buon ascolto…

ALLEVAMENTI DI ANIMALI. IL TRADIMENTO DELL’EUROPA

Puntata di mercoledì 23 febbraio, ore 13.00

Con Eleonora EVI, eurodeputata e co- portavoce nazionale di EUROPA VERDE.

ASCOLTA IL PODCAST

Il 15 febbraio scorso il Parlamento europeo ha approvato a stragrande maggioranza il “Rapporto di attuazione sul benessere degli animali negli allevamenti” presentato dalla Commissione Agricoltura. Un documento che rappresenta un forte arretramento della politica europea in ambito di benessere degli animali “da reddito”. È passata la linea dei grandi allevatori, a riprova della forte influenza dell’industria zootecnica nelle scelte della politica.

Addirittura, secondo il Parlamento europeo l’alimentazione forzata per produrre il patè de foie gras è stata annoverata come pratica che non lede il benessere degli animali. Ebbene, oche e anatre per produrre questa “prelibatezza culinaria” vengono alimentate a forza, più volte al giorno, con lo scopo di far ammalare il loro fegato di lipidosi epatica. Prima vengono immobilizzate, poi gli viene inserito un tubo di metallo in gola che le alimenta forzatamente. Queste povere creature non ce la fanno nemmeno a respirare, a muoversi. Una tortura indicile. Una crudeltà inumana. Questo rito viene ripetuto per settimana, fino a quando il loro fegato malato e grasso non riesce più a crescere di dimensione. La fine della sofferenza è la morte. A questo è arrivato l’essere umano per produrre uno “sfizio” alimentare? Osservate le foto di queste povere bestie, e chiedetevi se è questo il mondo in cui volete vivere.

Per fortuna – ci ha rassicurato l’on. Evi – non tutto è perduto. La Commissione europea sta mostrando di voler cogliere questo particolare momento storico per attuare un cambio di rotta rispetto all’approccio dell’uomo nei confronti della Natura e delle altre specie viventi. E questa volta la Commissione Ambiente, di cui è membro anche l’on. Eleonora Evi, potrà far sentire la sua voce.

Da parte nostra, come cittadini, possiamo fare la differenza ogni giorno: attraverso le nostre scelte alimentari, spronando il legislatore nazionale a cambiare approccio nei confronti del sistema alimentare, causa principale del cambiamento climatico. Possiamo anche supportare il lavoro dei Movimenti come Europa Verde che si impegnano ogni giorno per realizzare il cambiamento sperato. Sono certa che l’empatia del genere umano nei confronti della Biosfera e del sistema Vita del nostro Pianeta sia molto più sviluppata di quella certa politica, ancora aggrappata al supporto economico delle grandi multinazionali del cibo. Possiamo cominciare a fare la differenza divulgando queste notizie, poiché solo un’attenta consapevolezza ci salverà dalle conseguenze di una catena di montaggio fondata sullo sfruttamento e sulla sofferenza. Il primo nemico da combattere è l’indifferenza.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 21 febbraio, ore 12.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Battuta d’arresto alla Camera per quanto riguarda la sperimentazione animale sulle sostanze d’abuso. Lo stop ai test sugli animali per alcol, droga e tabacco, che sarebbe dovuto entrare in vigore il prossimo giugno, è stato posticipato addirittura al 2025! È questo il risultato dell’approvazione di alcuni emendamenti al decreto Milleprogoghe, appena approvato dall’Aula di Montecitorio, presentati dagli onorevoli: Boldi (Lega), Ianaro (M5S), Raciti e Lorenzin (Pd), Bologna (Coraggio Italia) e Magi (+Europa). Emendamenti approvati nonostante il parere negativo del Governo. Una brutta pagina parlamentare, che costerà ancora tre anni di inutili sofferenze e di morte per questi animali.

Sempre alla Camera, nella Commissione Agricoltura, sono previste le votazioni degli emendamenti della proposta di legge in materia di semplificazione per il settore agricolo, alcuni dei quali prevedono l’aumento del periodo e del territorio di caccia. Inoltre, nella medesima Commissione, si attende il testo base delle proposte in materia di danni provocati dalla fauna selvatica.

Nella Commissione Giustizia del Senato, riprende l’esame dei disegni di legge per la riforma dei Codici per la tutela degli animali, che dovrebbe inasprire le pene per il maltrattamento degli animali.

Buon ascolto…

DAL SENATO PIÙ TUTELA PER I CICLISTI

Puntata di venerdì 18 febbraio, ore 14.30

Con il senatore Marco PEROSINO (FI) e Paola GIANOTTI di “Io rispetto il ciclista”

ASCOLTA IL PODCAST

Il mondo dei ciclisti ci riprova, questa volta grazie all’impegno del senatore Marco Perosino, primo firmatario del disegno di legge “Disposizioni in materia di tutela della sicurezza dei ciclisti”, presentato lo scorso martedì in Senato. Diversi sono stati i tentativi nelle scorse Legislature volti a sensibilizzare il Parlamento ad approvare alcune modifiche al codice della strada per inserire l’obbligo di distanza minima di 1,5 metri in fase di sorpasso di un ciclista, purtroppo tutti non andati a buon fine.

Eppure i dati sono allarmanti: in Italia muore un ciclista ogni 32 ore. Numeri inaccettabili, che di certo esigono l’attenzione del Legislatore. Il tempo a disposizione non è molto, per questo il senatore Perosino ha chiesto al presidente della Commissione Lavori pubblici, competente in materia, un percorso “accelerato” in sede deliberante. Considerando che i fondi del Pnnr prevedono la realizzazione di piste ciclabili urbane e turistiche per 570 nuovi km, l’approvazione di questo disegno di legge rappresenterebbe anche un segnale di indubbia coerenza normativa.

Buon ascolto..

SEMAFORO ROSSO PER IL NUTRISCORE

Puntata di venerdì 18 febbraio, ore 13.00

Con il sen. Gianpaolo VALLARDI, presidente della Commissione Agricoltura del Senato

ASCOLTA IL PODCAST

Entro il 2022 la Commissione europea dovrebbe adottare un sistema di etichettatura nutrizionale a livello europeo. Dietro quella che dovrebbe essere una politica volta ad agevolare i cittadini a compiere scelte maggiormente consapevoli in merito alla qualità del cibo, in realtà si sta giocando una guerra commerciale che, guarda caso, è volta a screditare il Made in Italy.

Difatti, secondo il sistema di etichettatura “a semaforo” , il c.d. Nutriscore, proposto da Francia e Germania, la Coca light risulterebbe più salutare dell’olio d’oliva e del parmigiano reggiano. Ma la questione va anche oltre il Nutriscore, tant’è che proprio in questi giorni si è discussa in Europa l’ipotesi di apporre una dicitura “anti-cancro” sulle bottiglie di vino. Una battaglia vinta grazie agli eurodeputati italiani, pur sempre, però, una battaglia che abbiamo dovuto combattere.

In questa situazione, lo scorso martedì il Senato ha approvato all’unanimità la Mozione Vallardi, che ha impegnato il Governo ad un’azione più mirata per salvaguardare l’agroalimentare italiano, che non è solo cibo ma rappresenta la straordinaria storia, la cultura e la varietà dei prodotti che rendono il Bel Paese unico al mondo.

Buon ascolto…

EUROPA – AFRICA. AL VIA IL SUMMIT.

Puntata di mercoledì 16 febbraio 2022

Con l’on. Maria Edera SPADONI, presidente del Comitato per l’attuazione di AGENDA 2030 per lo sviluppo sostenibile e Luna MERCURI, rappresentante di The One Campaign

ASCOLTA IL PODCAST

Domani a Bruxelles i Capi di Stato e di Governo dell’Unione europea e dell’Unione Africana si riuniranno per il sesto Summit tra Europa e Africa. A distanza di più di quattro anni dal vertice svoltosi il 29 e 30 novembre 2017 ad Abidjan, in Costa d’Avorio, i leader dei due Continenti si troveranno a confrontarsi sulla grave crisi sanitaria generata dal Covid-19, sulle conseguenze dei cambiamenti climatici, sul terrorismo e l’instabilità geopolitica africana.

In questo interessante podcast ne abbiamo parlato con l’on. Maria Edera Spadoni, presidente del Comitato permanente sull’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile istituito presso la Commissione Esteri della Camera e Luna Mercuri, giovane rappresentante di The One Campaign. Un interessante confronto/incontro intergenerazionale che Radio Parlamentare ha potuto organizzare grazie alla sensibilità della presidente Spadoni, che lo scorso 20 gennaio ha convocato in audizione parlamentare le giovani attiviste di The One campaign, italiane ed africane, dandoci l’opportunità di conoscere questa straordinaria realtà composta da ragazze e ragazzi, dai 16 ai 21 anni, impegnati a costruire un mondo diverso da quello attuale. Un mondo in cui non si morirà più di fame, a causa delle guerre, e dove la tutela dell’ambiente non sarà pensata in termini di prosperità energetica ma come rispetto del sistema Vita del Pianeta, di cui anche noi facciamo parte.

Convinti che l’antidoto più efficace contro la pandemia planetaria sia la solidarietà planetaria, vi proponiamo questi spunti di riflessione che la giovane Luna Mercuri ha condiviso con noi “adulti”, che spesso dimentichiamo di esserlo.

Buon ascolto…

EURES TMS – PROGETTO EUROPEO PER LA MOBILITÀ PROFESSIONALE

Puntata di martedì 15 febbraio, ore 15.00

Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera dei deputati e Riccardo TRAVAGLINI, advisor EURES TMS per Malta

ASCOLTA IL PODCAST

Il programma europeo EURES TMS ( Targeted Mobility Scheme) promuove la mobilità professionale all’interno dell’Unione europea sostenendo i cittadini europei a trovare un lavoro, un tirocinio o un apprendistato in un altro paese dell’UE ( Norvegia e Islanda comprese), e assiste i datori di lavoro a trovare lavoratori.

Ecco come funziona. EURES TMS mette in contatto i candidati partecipanti con il datore di lavoro che offre opportunità di impiego, tirocinio o apprendistato e li supporta durante tutto il processo di assunzione fornendo indennità finanziarie e un’assistenza completa e personalizzata, ad esempio finanzia anche corsi di lingua, le spese di viaggio e di soggiorno, il riconoscimento delle qualifiche. Un’opportunità – ha evidenziato l’on. Billi – anche per gli italiani all’estero che vogliono tornare a lavorare in Italia. Nel nostro Paese il progetto è coordinato da ANPAL- Ufficio di Coordinamento Nazionale EURES, attraverso la cui piattaforma è possibile accedere ai servizi: https://euresmobility.anpal.gov.it/.

Ringraziamo l’on. Simone Billi per averci fatto conoscere questa importante opportunità e il dott. Travaglini per le precise e puntuali informazioni, molto utili per iniziare questo percorso lavorativo in ambito UE.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di martedì 15 febbraio, ore 13.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV e la partecipazione della senatrice Alessandra MAIORINO (M5S).

ASCOLTA IL PODCAST

Puntata speciale di ANIMALI & PALAZZI dedicata alla riforma dell’art. 9 della Costituzione, approvata in via definitiva dal Parlamento lo scorso 8 febbraio. La Repubblica “tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali”, recita il nuovo testo della Carta Costituente. Un importante traguardo etico che nostro Paese attendeva dal 1998 e che finalmente si è concretizzato.

E l’aspetto più innovativo, senza dubbio, riguarda proprio la tutela degli animali, che entra a far parte dei principi fondamentali della nostra Costituzione.

Un risultato per il quale dobbiamo ringraziare la senatrice Alessandra Maiorino che, in qualità di relatrice in Senato, si è battuta fortemente nell’ambito della dialettica con le altre forze politiche per far entrare gli animali in Costituzione. Alla luce di ciò, auspichiamo che il Parlamento possa tenere conto di questa riforma e legiferare in modo conforme e coerente con il nostro dettato costituzionale.

Al riguardo, segnaliamo che è ripreso nella Commissione Giustizia del Senato la riforma del Codici per la tutela degli animali, che prevede l’inasprimento delle pene per il maltrattamento degli animali, ferma da più di un anno a causa dell’ostruzionismo del Gruppo Lega. Atteso per questa settimana, nella Commissione Affari costituzionali della Camera, l’esame degli emendamenti al decreto Milleproroghe, nell’ambito del quale sono stati presentati emendamenti volti a posticipare ancora una volta l’entrata in vigore dello stop all’uso degli animali per esperimenti su sostanze d’abuso ( droga, alcol, tabacco). Infine, la Commissione Bilancio del Senato ha avviato l’esame del c.d. decreto Sostegni-ter, che prevede un “ristoro” di 50 milioni di euro in favore degli allevatori per i “danni” causati dalla peste suina. Ci auguriamo che questi fondi possano essere elargiti impegnando il comparto suinicolo ad un maggior rispetto del benessere degli animali.

Buon ascolto…

EMERGENZA COVID. È DAVVERO FINITA?

Puntata di giovedì 10 febbraio, ore 12.00

Con la senatrice Elisa PIRRO (M5S), Commissione Igiene e Sanità del Senato

m

ASCOLTA IL PODCAST

La pandemia sta veramente volgendo al termine? I dati scientifici dicono che ci siamo lasciati alle spalle la fase più acuta dei contagi, ma ciò non significa che il Covid-19 è stato debellato. Nondimeno, grazie ai vaccini e alle terapie anticovid, questo coronavirus comincia a fare meno paura. Sulla base di questi riscontri, la politica sta allentando le maglie delle restrizioni, avviando una fase di gestione attenta e consapevole degli effetti del Covid, che potremmo definire di “convivenza pacifica” con il virus che ha cambiato il mondo. Proprio oggi cade l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto e già si parla di eliminarne l’uso nei luoghi al chiuso a partire da aprile. Ad ogni modo, bisogna stare attenti a non cedere a facili entusiasmi. Mai come in questo momento è necessario agire per gradi e nel rispetto del principio di precauzione. In che modo? Ce lo ha spiegato la sen. Elisa Pirro in questo podcast.

Buon ascolto…

ESPLODE LA RABBIA DEGLI STUDENTI

Puntata di giovedì 10 febbraio, ore 11.00

A TU PER TU CON SUOR MONIA ALFIERI – Con la partecipazione della sen. Valeria Fedeli, già Ministra del MIUR

ASCOLTA IL PODCAST

Le tragica morte del giovane Lorenzo Parelli, il ragazzo di 18 anni che il 21 gennaio scorso ha perso la vita in un’azienda in provincia di Udine durante l’alternanza scuola-lavoro, ha fatto scendere in piazza migliaia di studenti indignati. Una giusta protesta che ha acceso la miccia di una rabbia che ha covato in due lunghi anni di pandemia, che soprattutto ai più giovani ha rubato tappe fondamentali della loro esistenza.

È doveroso ascoltare i giovani. Allo stesso tempo, è dovere degli adulti ( politica compresa) accompagnare e “prendere in carico” i ragazzi per fornirgli un sostegno volto ad affrontare le sfide della vita, non ad eluderle. Esame di maturità compreso. Di certo, attraverso queste manifestazioni di piazza i giovani stanno chiedendo l’attenzione degli adulti, della politica, della società tutta. Chiedono un nuovo protagonismo, di costruire una società post-covid che sia fondata su basi diverse, perché non si può fare finta che la sofferenza patita in questi due anni venga portata via da un soffio di vento. Le ferite ci sono, e vanno curate.

Buon ascolto…

DAL PNRR AI BANDI EUROPEI. GUIDA PRATICA PER ACCEDERE AI FONDI

Puntata di martedì 8 febbraio, ore 18.00

Con la partecipazione dell’on. Paola DEIANA (M5S), Commissione Ambiente della Camera e Simone ADDARI, esperto in europrogettazione di BSS-P&C Italia

ASCOLTA IL PODCAST

La ripresa economica e sociale del Paese dipenderà da quanto l’Italia sarà pronta ad utilizzare al meglio le risorse messe a disposizione dal Pnrr e dalla Programmazione pluriennale europea 2021/27 (bandi europei diretti). In quest’ottica, lo scopo di questa rubrica è fornire informazioni chiare e precise per cogliere al meglio le opportunità del Next Generation EU.

In questa puntata, con l’on. Paola Deiana, membro della Commissione Ambiente della Camera, e il dott. Simone Addari, esperto in europrogettazione di BSS-P&C Italia, abbiamo presentato due bandi riferiti alla gestione dei rifiuti attraverso la creazione di nuovi modelli tecnologici di smantellamento. Nello specifico, si tratta del:

Bando Pnrr per la “Realizzazione di nuovi impianti per il riciclo dei rifiuti plastici (attraverso riciclo meccanico, chimico, Plastic Hubs), compresi i rifiuti di plastica in mare cd. Marine litter”

– e del bando europeo diretto denominato “Circular flows for solid waste in urban environment (Processes4Planet Partnership) (IA)”, che prevede un finanziamento del 70% a fondo perduto incentrato sulla neutralità climatica e sulla produzione circolare tecnologica e digitale.

BSS-P&C Italia ha messo a disposizione uno “sportello” per fornire ad imprese, Enti locali e singoli cittadini, maggiori informazioni sulle linee d’intervento attualmente disponibili sia per i bandi diretti che quelli del Pnrr, nonché per fornire assistenza tecnica per redigere un progetto. Scrivi a: fondi.eu@servizibss.it

LA PAROLA AI SINDACI.SI RIPARTE DAL TERRITORIO. MONSAMPIETRO MORICO

Puntata di lunedì 7 febbraio, ore 19.00

Con Romina GUALTIERI, Sindaco di Monsampietro Morico e la partecipazione dell’on. Tullio PATASSINI (Lega).

ASCOLTA IL PODCAST

In questa puntata di LA PAROLA AI SINDACI siamo andati a conoscere Monsampieto Morico un piccolo borgo medievale marchigiano in provincia di Fermo, la cui fondazione risale al 1061.Un territorio di straordinaria cultura e tradizione che, purtroppo, nel 2016 ha conosciuto il dramma del terremoto. Da allora – come ci ha raccontato il Primo Cittadino, Romina Gualtieri – c’è ancora molto da fare. Dopo la nomina di ben quattro Commissari straordinari, soltanto adesso si sono aperti i primi cantieri. In queste condizioni la cittadinanza di Monsampietro Morico ha dovuto fronteggiare un’altra tragedia: quella della pandemia, con molte famiglie che hanno dovuto affrontare i diversi lockdown da sfollati.

Il PNRR ha stanziato una linea di intervento per i territori terremotati, 110 milioni di euro soltanto per le Marche. È una grandissima opportunità per un territorio che ha già sofferto tanto e che ha tutta l’intenzione di cogliere appieno questa occasione per avviare una concreta opera di ripresa economica e sociale. Come fare? Ne abbiamo parlato in questo podcast con il Sindaco Romina Gualtieri e l’onorevole Tullio Patassini.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 7 febbraio, ore 15.00

Con Gianluca FELICETTI, presidente della LAV e la partecipazione della senatrice Loredana DE PRETIS (LeU)

ASCOLTA IL PODCAST

Puntata speciale di ANIMALI & PALAZZI dedicata all’entrata in vigore in Italia del divieto di allevare animali per produrre pellicce. Ne abbiamo parlato, insieme a Gianluca Felicetti, con la senatrice Loredana De Petris, di Liberi Uguali, prima firmataria dell’emendamento alla legge di bilancio 2022 che ha previsto lo stop degli allevamenti da pelliccia. Una straordinaria vittoria etica a cui sta per aggiungersi l’approvazione definitiva della riforma dell’art. 9 della Costituzione, che inserire nella Carta costituzionale la tutela dell’ambiente e degli animali ( proposta di cui, tra l’altro, la senatrice De Petris è la prima firmataria in Senato).

Grande soddisfazione per questi traguardi raggiunti, anche se c’è molto ancora da fare.

Il decreto Milleproroghe, all’esame della Commissione Affari costituzionali della Camera, prevede emendamenti volti a prorogare ancora una volta l’entrata in vigore dello stop all’uso degli animali per esperimenti sulle sostanze d’abuso ( droga, alcol, tabacco). Divieto che dovrebbe entrare in vigore a giugno 2022. Si segnalano anche gli emendamenti volti ad aumentare i “ristori” per gli allevamenti da pelliccia ancora esistenti ( già lautamente risarciti dalla legge di bilancio) nonché l’emendamento che prevede un regime Iva agevolato per gli allevamenti di cani pronta caccia.

Nella Commissione Giustizia del Senato, invece, è stata di nuovo calendarizzata la riforma del Codici che prevedono l’inasprimento delle pene per i maltrattamento degli animali. Iter fermo oramai da più di un anno a causa dell’ostruzionismo della Lega. Ci auguriamo si possa superare l’impasse causato dall’elevato numero di emendamenti presentati.

Buon ascolto…

QUIRINALE 2022. DALLA COSTITUENTE AD OGGI

Puntata di giovedì 3 febbraio, ore 13.00

PASSATO E PRESENTE, con Michele MERENDA, storico.

Con la partecipazione del senatore Marco PEROSINO.

ASCOLTA IL PODCAST

Il tredicesimo Presidente della Repubblica ha da poco giurato dinanzi al Parlamento in seduta comune. Nonostante ciò, si dibatte ancora sulla rielezione del presidente Sergio Mattarella, dal punto di vista dell’opportunità di conferire un secondo mandato settennale nelle mani della stessa persona. La nostra Carta costituzionale non vieta espressamente la rielezione del Capo dello Stato, tuttavia, nel tempo – come ci ha ricordato Michele Merenda – ben due diversi Presidenti della Repubblica, prima Antonio Segni e poi Giovanni Leone, inviarono un messaggio alle Camere per esortare il Parlamento a modificare il dettato costituzionale, inserendo un esplicito divieto di rielezione del Capo dello Stato. Due messaggi ignorati dalle Camere, che nemmeno iniziarono un’istruttoria parlamentare per dare seguito al monito dei Presidenti della Repubblica.

La prassi parlamentare ha agito secondo buon senso fino al 2013, poi, con la rielezione “ a tempo” del presidente Giorgio Napolitano, qualcosa è cambiato. Sono cambiati i tempi. È cambiata la classe politica. Il punto è: sarà quello di Sergio Mattarella un incarico che durerà fino a scadenza naturale, nel 2030, oppure quando cambierà il “vento politico” potrebbero esserci delle dimissioni anticipate per lasciare posto a qualcun altro? Dal discorso d’insediamento del presidente Mattarella, nulla si è evinto sulla durata del suo secondo mandato. Ad ogni modo, auspichiamo che il Parlamento, in grande sconfitto di queste elezioni quirinalizie, possa avviare una discussione sull’opportunità di rimettere mano all’articolato costituzionale che norma l’elezione del Capo dello Stato, dando attuazione ( con quasi cinquant’anni di ritardo) al monito del presidente Segni: “evitare il danno della continuità personale propria dei regimi ereditari, innaturale in un regime repubblicano”.

Buon ascolto….

Speciale Elezioni Quirinale 2022 – Una sfida di coerenza

Puntata di lunedì 24 gennaio, ore 14.00

A tu per tu con suor Anna Monia Alfieri – Speciale elezioni del Presidente della Repubblica 2022

ASCOLTA IL PODCAST

La corsa per il Quirinale è appena iniziata. Da oggi, infatti, i 1.008 “grandi elettori” sono chiamati ad eleggere il nuovo Capo dello Stato, il 13° Presidente della Repubblica italiana. Una tappa fondamentale per il nostro sistema democratico, resa ancora più complessa dal delicato momento storico che stiamo vivendo in ragione della pandemia da Covid-19.

Proprio in ragione di ciò, il successore di Sergio Mattarella dovrà essere una figura, donna o uomo che sia, con un alto senso delle istituzioni e dell’etica pubblica poiché, come evidenziato da suor Monia, il prossimo Presidente della Repubblica dovrà occuparsi della “dimensione valoriale” per la ricostruzione del Paese. In questo senso dovrà essere un “vero educatore”, un esempio soprattutto per i nostri giovani.

Ecco perché l’appello ai “grandi elettori” e di “tenere fermi i punti intoccabili” che hanno reso possibile lo scorso anno la costituzione del Governo di “salvezza nazionale”. Quindi, in coerenza con la realtà che stiamo vivendo, il nome del prossimo Presidente della Repubblica dovrà essere “una scelta che unisce il Paese e non un ripiego“. Non sarà un compito facile: gli equilibri sono fragili e la tenuta politica non è scontata, ma, come afferma suor Monia, soprattutto nei momenti difficili è importante “vedere nelle sfide un’occasione”.

Buon ascolto…

LA PAROLA AI SINDACI. BORGOFRANCO D’IVREA.

Puntata di lunedì 17 gennaio, ore 19.00

Con Fausto FRANCISCA, Sindaco di Borgofranco d’Ivrea e la partecipazione dell’on. Alessandro GIGLIO VIGNA (Lega)

ASCOLTA IL PODCAST

In questa puntata di LA PAROLA AI SINDACI siamo andati a Borgofranco D’Ivrea, un borgo di quasi 4 mila abitanti nella zona del canavese, posto alla confluenza di un importante nodo stradale che collega Piemonte, Biellese, Valle d’Aosta e da lì Francia e Svizzera.

Un territorio straordinario soprannominato il paese della “montagna che respira”. Borgofranco d’Ivrea, infatti, ospita una realtà naturalistica unica al mondo: i c.d. balmetti, architetture spontanee addossate al massiccio del Mombarone, nate sulla base di cantine che sfruttano correnti d’aria a temperatura costante provenienti da cavità naturali e prodotte da eventi geonaturali particolarissimi.

Insieme al Primo cittadino di Borgofranco d’Ivrea, Fausto Francisca, e all’on. Alessandro Giglio Vigna, deputato del canavese della Lega, abbiamo cercato di fare il punto sulle necessità di questa cittadina, oggi comunità collinare. Il problema più rilevante – ci ha spiegato il Sindaco Francisca – riguarda la “concorrenza sleale” con il territorio limitrofo. Da una parte ci sono le comunità montane che, avendo a disposizione maggiori finanziamenti statali, riescono ad offrire alle famiglie di Borgofranco condizioni economiche più vantaggiose per i loro figli ( ad esempio facendo pagare rette minori per il trasporto degli studenti). Dall’altra c’è la Valle d’Aosta che, in quanto Regione a Statuto speciale, fa pagare meno tasse alle imprese che si insediano sul suo territorio, sottraendo al territorio di Borgofranco d’Ivrea parte del suo naturale tessuto produttivo.

Situazioni, queste, che dovrebbero essere attenzionate tanto dalla Regione Piemonte quanto dal legislatore nazionale, se non fosse che i piccoli Comuni sono spesso esclusi dai tavoli istituzionali dove vengono prese le decisioni importanti per il territorio: in pratica i grandi comuni decidono per tutti, pur non conoscendo le peculiarità dei territori più piccoli. La soluzione a queste problematiche si chiama “autonomia territoriale”, necessaria per mettere in condizione i Sindaci di attuare le politiche di sviluppo sulla base delle esigenze e caratteristiche del territorio. Come ha osservato l’on. Giglio Vigna, il problema non è l’autonomia della Val D’Aosta, piuttosto, tutto il Paese dovrebbe disporre della medesima autonomia territoriale.

Buon ascolto…

ELEZIONI QUIRINALE 2022. REGOLE, NUMERI, PROCEDURE.

Puntata di lunedì 17 gennaio, ore 15.00

Con l’on. Simone BILLI (Lega), Commissione Affari Esteri della Camera dei deputati e presidente del Comitato per gli italiani all’estero.

ASCOLTA IL PODCAST

Tra esattamente una settimana il Parlamento in seduta comune si riunirà per eleggere il tredicesimo Presidente della Repubblica. Sono 1009 i “Grandi elettori” che dovranno trovare un accordo per eleggere ( a voto segreto) il successore di Sergio Mattarella: 630 deputati, 321 senatori e 58 delegati regionali ( 3 per ogni regione, 1 per la Val D’Aosta).

Un’elezione che si preannuncia complicata anche in ragione della dilagante pandemia, che sta rendendo più difficili le procedure di votazione, con il rischio per i grandi elettori in quarantena di non poter esercitare il loro diritto di voto. Sempre in tema di numeri, la grande novità di queste elezioni è rappresentata dal vantaggio della coalizione di centro-destra, che può contare – come ci ha spiegato l’on. Simone Billi – su 446 voti contro i 425 voti della coalizione di centro sinistra ( compreso il M5S).

Per eleggere il nuovo presidente della Repubblica, tuttavia, occorre: nei primi tre scrutini la maggioranza qualificata dei 2/3 degli aventi diritto, quindi 673 voti; dalla quarta votazione, invece, sarà sufficiente la maggioranza assoluta, ossia 505 voti. In attesa dell’inizio di questo importante appuntamento politico e democratico, auspichiamo che il prossimo Presidente della Repubblica possa essere eletto in tempi brevi e da un’ampia maggioranza parlamentare.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 17 gennaio, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Nella Commissione Affari Costituzionali della Camera è ripreso l’esame della riforma dell’articolo 9 della Costituzione, che introduce la tutela dell’ambiente e degli animali nella Carta costituzionale: si attende per febbraio l’ultima e definitiva approvazione del provvedimento. Nelle Commissioni riunite Istruzione e Lavoro del Senato, invece, continua l’iter del disegno di legge in materia di riforma dello spettacolo, che al suo interno prevede il superamento degli animali nei circhi.

Preoccupa l’aumento dei casi di peste suina africana: il Ministero della Salute e quello dell’Agricoltura hanno firmato un’ordinanza per frenare l’epidemia, che prevede anche restrizioni alla caccia. Inoltre, è prevista per domani nella Commissione Agricoltura del Senato, l’audizione del Direttore generale della Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della Salute, Pierdavide Lecchini. Avanza anche l’epidemia aviaria: 13 milioni gli animali uccisi solo nella provincia di Verona, con l’esercito che è dovuto intervenire per “smaltire” le carcasse (guarda il video: https://www.lav.it/news/allarme-aviaria-uk-investigazione-italia ). Mentre in Gran Bretagna è stato registrato il primo caso di salto di specie dall’animale all’uomo.

Buon ascolto…

LA SCUOLA DEVE RIMANERE APERTA

Puntata di mercoledì 12 gennaio, ore 17.00

A TU PER TU CON SUOR MONIA ALFIERI – Con la partecipazione dell’on. Rossano SASSO, Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione.

ASCOLTA IL PODCAST

Per quale ragione le scuole dovrebbero chiudere, quando tutto il Paese è aperto? Nel rispetto delle norme anti covid, possiamo andare in palestra, al cinema, a teatro, al ristorante, eppure c’è chi vorrebbe lasciare i bambini e i ragazzi italiani a casa a seguire la didattica a distanza.

Noi riteniamo che la scuola, tutta, debba rimanere aperta e ci rincuora che la linea del Ministero dell’Istruzione, confermata in questo podcast dalle dichiarazioni del Sottosegretario Rossano Sasso, sia quella di garantire la scuola in presenza. E i numeri forniti dal Sottosegretario Sasso non lasciano spazi ai “dubbiosi”. Secondi i dati di gennaio soltanto il 5% degli studenti risulta assente a scuola, compresi i ragazzi positivi al Covid e quelli in quarantena. Anche la percentuale dei docenti assenti si attesta attorno al 6%.

A due anni dall’inizio della pandemia, invece di invocare la chiusura delle scuole, bisognerebbe lavorare alacremente per mettere in sicurezza gli istituti scolastici, e in questo senso la strada percorribile è la purificazione dell’aria negli ambienti al chiuso: aule, mense e palestre. Per vincere questa importante sfida, ha affermato suor Monia, le regioni, gli enti locali e le scuole tutte, paritarie e pubbliche, devono unirsi animati da un forte senso di “corresponsabilità” per trovare le soluzioni più adeguate per il bene del Paese. La scuola deve tornare ad essere l’ascensore sociale del nostro Paese, poiché è l’unica organizzazione in grado di abbattere le disuguaglianze e dare opportunità di vita migliori ai tanti giovani a cui oggi sono negate.

Buon ascolto…

DECRETI COVID. COSA PREVEDONO LE NUOVE REGOLE.

Puntata di mercoledì 12 gennaio, ore 10.00

Con l’on. Vito DE FILIPPO, membro della Commissione Salute della Camera dei deputati e Coordinatore Nazionale Rete Sanità e Regioni del Partito Democratico.

ASCOLTA IL PODCAST

In questo podcast troverete le risposte ai molti dei dubbi ingenerati dalle nuove disposizioni anti-Covid19 emanate dal Governo. Un sintesi per fare chiarezza sulle attività consentite, la data di entrata in vigore delle diverse prescrizioni e dei nuovi obblighi, le nuove norme sulla quarantena e molto altro.

Due anni di pandemia hanno logorato e affaticato gli animi di tutti, questo è indubbio. Tuttavia, in questo momento è quantomai necessario un ulteriore sforzo per superare questa quarta ondata della pandemia e l’effetto della variante Omicron. In questo senso, per sconfiggere il coronavirus, oltre alle disposizioni di legge, c’è bisogno di un solido senso civico, poiché, come ha osservato l’on. Vito De Filippo, non è pensabile l’instaurazione di uno Stato militaresco, con le Forze dell’Ordine dispiegate in uno angolo del Paese per far rispettare le regole. Da questo punto di vista, è necessario prendere le distanze dall’infodemia dilagante, cattiva consigliera di molti comportamenti quotidiani errati. È importante, quindi, informarsi attraverso gli organi istituzionali, per avere notizie certe e dissipare ogni incertezza.

Entro la fine di gennaio si dovrebbe raggiungere il picco dei contagi, e da febbraio bisognerà lavorare per ricalibrare la strategia politica nella lotta al Covid, che dovrà essere sempre più incentrata su una convivenza “intelligente” e sicura con il virus, ad esempio anche introducendo la purificazione dell’aria negli ambienti al chiuso.

Ringraziamo vivamente l’on. Vito De Filippo per le importanti informazioni che ha condiviso con noi e per avere risposto alle domande dei nostri ascoltatori. Per maggiori approfondimenti: https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/archivioFaqNuovoCoronavirus.jsp

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di giovedì 23 dicembre, ore

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV.

ASCOLTA IL PODCAST

Puntata speciale di ANIMALI & PALAZZI per commentare l’esito dell’esame della Legge di Bilancio in Senato.

Vinta dopo trent’anni una grande battaglia etica: approvato l’emendamento presentato dalla senatrice Loredana De Petris e sottoscritto anche dai senatori pentastellati Croatti, Maiorino e Perilli, che segna in Italia la fine degli allevamenti di animali da pelliccia!

Approvati, altresì, altri due emendamenti: il primo prevede il rifinanziamento del Fondo destinato agli Enti locali per la messa a norma o per la realizzazione di nuovi canili. Rifinanziato per il 2022 anche il Fondo per il recupero della fauna selvatica, con una dotazione di 1 milione di euro. Tutti i dettagli nel podcast.

Buon ascolto e buone Feste!

ATTUAZIONE DEL PNRR. LA CAMERA APPROVA IL DECRETO.

Puntata di mercoledì 22 dicembre, ore 17.30

Con l’on. Tullio PATASSINI (Lega), membro della Commissione Bilancio della Camera dei deputati.

ASCOLTA IL PODCAST

In questo interessante podcast, l’on. Tullio Patassini ci ha illustrato passo passo le misure più rilevanti introdotte dal decreto-legge 152/21, approvato lo scorso 21 dicembre dalla Camera dei deputati, che rappresenta un tassello fondamentale per la realizzazione delle opere e degli interventi previsti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Da una parte interviene: sulla semplificazione e snellimento delle procedure a diversi livelli (dalle opere infrastrutturali ferroviarie, all’edilizia giudiziaria, ai permessi in materia ambientale), sul monitoraggio e controllo dei lavori, sul potenziamento delle risorse umane ( tra tecnici, esperti e facilitatori), nonché per il rafforzamento delle misure di prevenzione antimafia. Dall’altra entra nel vivo dell’attuazione delle missioni del PNRR intervenendo su settori specifici, in primis il turismo, per il quale è previsto un Piano di ripresa a 360 gradi, ma anche su Università e la ricerca, tutela delle risorse idriche, valorizzazione del territorio. Un poderoso provvedimento attraverso cui il PNRR comincia finalmente a prendere forma.

Buon ascolto…

LA CRISI ENERGETICA MONDIALE.

Puntata di lunedì 20 dicembre, ore 17.00

Con il prof. Massimo PANEBIANCO, docente di diritto internazionale Università di Salerno e l’avv. Antonio DI MURO, esperto in geopolitica.

ASCOLTA IL PODCAST

La crisi energetica, al pari della pandemia, non sta risparmiando nessun Paese al mondo. E mentre l’Unione europa cerca una linea comune per affrontare il rincaro delle materie prime energetiche, ogni Paese affronta il problema a suo modo. Dalla Spagna che ha posto dei limiti ai profitti delle aziende energetiche, all’Italia e alla Francia che hanno messo in campo ingenti risorse per evitare un rincaro esorbitante delle bollette di gas e luce a carico dei cittadini. Oltremanica, l’Inghilterra non se la passa meglio, con i distributori di benzina e gasolio presi d’assalto da automobilisti preoccupati della carenza degli approvvigionamenti. Anche Cina e Stati Uniti devono fare i conti con le conseguenze della crisi energetica, con Pechino che programma blackout localizzati.

Al di là delle soluzioni che verranno messe in campo nel breve periodo, le potenze mondiali stanno ripensando in chiave green al problema dell’approvvigionamento delle materie prime energetiche, per diminuire la propria dipendenza nazionale da fonti straniere. Anche i Paesi del Golfo per salvaguardare le loro economie, fortemente dipendenti dai combustibili fossili, hanno cominciato a investire in piani di diversificazione energetica improntati sulle rinnovabili.

Altro che “svolta ambientalista”, dietro la transizione energetica si gioca la vera partita geopolitica mondiale.

Buon ascolto…

LA PAROLA AI SINDACI. SI RIPARTE DAL TERRITORIO – LEQUIO TANARO

Puntata di lunedì 20 dicembre, ore 19.00

Con Giuseppe TROSSARELLO, Sindaco di Lequio Tanaro e il sen. Cristiano ANASTASI (M5S), Commissione Industria e commercio del Senato

ASCOLTA IL PODCAST

Un brillante confronto tra il Sindaco di Lequio Tanaro, Giuseppe Trossarello e il senatore Cristiano Anastasi, nell’ambito del quale si è cercato, in maniera molto pragmatica, di superare per quel “corto circuito” informativo che non sta consentendo alle amministrazioni locali dei piccoli Comuni di utilizzare al meglio le risorse e gli strumenti legislativi messi in campo dal decisore politico nazionale per la ripartenza del Paese.

I Comuni sotto i 5 mila abitanti rappresentano il 69,9% di tutti i comuni italiani, eppure le amministrazioni locali, fino ad oggi, non hanno ricevuto nessuna comunicazione “istituzionale” in merito tanto alle modalità di attuazione del PNRR quanto agli avvisi di pubblicazione dei bandi da parte dei diversi Dicasteri. Ciò significa che, in mancanza di personale amministrativo e tecnico, i piccoli Comuni rischiano di non poter utilizzare le risorse del PNRR. Eppure, le soluzioni per ovviare a questa “dimenticanza” legislativa o politica ( dipende dal punto di vista) sono a portata di mano. È il Parlamento che deve intervenire dove il Governo ha mancato di fare, e il senatore Anastasi si è impegnato a coinvolgere i colleghi parlamentari per colmare in tempi brevissimi questo gap istituzionale tra territorio e politica nazionale.

Ad ogni modo, ci sono opportunità per il territorio già disponibili, che riguardano l’improrogabile necessità di avviare la transizione energetica. In questo podcast il senatore Anastasi ha fornito informazioni utili e dettagliate per poter avviare immediatamente e con facilità una Comunità Energetica: un nuovo modello di autoconsumo collettivo attraverso cui imprese, comunità locali e cittadini possono condividere energia elettrica prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili.

Buon ascolto…

DECRETO FISCALE 2022: TUTTE LE NOVITÀ.

Puntata di lunedì 20 dicembre, ore 15.00

Con il sen. Emiliano FENU, capogruppo del M5S nella Commissione Finanze del Senato.

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso 15 dicembre la Camera dei deputati ha convertito in legge il decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146, cosiddetto decreto fiscale collegato alla manovra di Bilancio, che contiene molte novità per cittadini, professionisti e imprese. Un corposo testo che è stato oggetto di una lunga ed elaborata discussione parlamentare nella Commissione Finanze del Senato, nell’ambito della quale il provvedimento è stato ampiamente modificato e ampliato.

Tra le misure più importanti: la proroga dei termini per la rottamazione-ter e saldo stralcio; proroga dei termini di pagamento per le cartelle esattoriali fino a 180 giorni ( dai 60 giorni ordinari); la ridefinizione della disciplina del Patent box ( oggetto peraltro di ulteriori modifiche nella legge di bilancio); proroga dei termini per la il versamento del’Irap fino al 31 gennaio 2022; nuove soglie per l’utilizzo dei contanti da 2.000 a 1.000 euro ( soltanto per i trasferimenti effettuati a qualsiasi titolo tra soggetti diversi; misure a sostegno dei Bed&Breakfast; sanatoria per indebito utilizzo del credito d’imposta R&S; proroga del Patrimonio Destinato; rifinanziamento dell’ecobonus per l’acquisto di auto e veicoli commerciali a basse emissioni; estensione del trattamento di malattia per i lavoratori dipendenti del settore privato in quarantena Covid; rifinanziamento del Fondo per i genitori lavoratori separati e divorziati che, a causa del covid, non sono riusciti ad adempiere al regolare versamento dell’assegno di mantenimento per i propri figli; concessione di ulteriori settimane della Cassa integrazione; riconoscimento dell’assegno di invalidità per gli invalidi parziali che prestano attività lavorativa non superiore annualmente a 4.931,29 euro; credito d’imposta sulle commissioni dei pagamenti elettronici; esenzione Imu prima casa per i coniugi che abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili situati in Comuni diversi; aiuto ai lavoratori con disturbo dello spettro autistico.

Un sostegno alle famiglie e ai settori produttivi per superare le persistenti criticità economiche causate dalla pandemia ancora in corso. Al riguardo, il senatore Emiliano Fenu ha anticipato un ulteriore intervento legislativo per aumentare i termini di pagamento per la pace fiscale per tutto il 2022. Per tutti i dettagli delle misure, vedi il link: https://documenti.camera.it/Leg18/Dossier/Pdf/D21146b.Pdf

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 20 dicembre, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV.

ASCOLTA IL PODCAST

AAAA

In evidenza questa settimana. Dopo una settimana di riunioni di maggioranza ad oltranza, la Commissione Bilancio del Senato si appresta oggi a votare gli emendamenti alla Legge di Bilancio. Dalla riduzione dell’Iva per le spese veterinarie, allo stop agli allevamenti di visoni, al Fondo per la messa a norma e la costruzione di canili e/o rifugi: tante potrebbero le novità per il mondo degli animali. Daremo conto dei risultati ottenuti nei prossimi giorni, in uno speciale dedicato proprio alla Legge di Bilancio.

Alla Camera dei deputati, invece, questa settimana sono previste nella Commissione Agricoltura le votazioni degli emendamenti alla pdl in materia di semplificazioni per il settore agricolo, nell’ambito della quale figurano emendamenti per estendere la caccia. È altresì prevista per oggi la scadenza per la presentazione degli emendamenti alla pdl in materia di contrasto del bracconaggio ittico nelle acque interne.

Una buona notizia, prima delle Feste natalizie. Con un emendamento alla Legge di delegazione europea, presentato dall’on. Francesca Galizia, l’Aula di Montecitorio la scorsa settimana ha votato per lo stop alla triturazione dei pulcini maschi. Un’atroce e barbara pratica, che tra cinque anni sarà definitivamente vietata anche in Italia.

Buon ascolto…

LE CONTROMISURE DELLA UE SUL “CARO BOLLETTE”

Puntata di lunedì 13 dicembre, ore 15.00

FUTURO CHIAMA EUROPA con Luisa Regimenti, europarlamentare Gruppo PPE- Forza Italia.

L’innalzamento del prezzo del gas naturale ha portato in tutta Europa ad un aumento esponenziale delle bollette di gas e luce, il rincaro più alto degli ultimi 10 anni. Sulle cause di questa fluttuazione dei prezzi pesa la dipendenza energetica europea dall’estero, arrivata al 61% dell’approvvigionamento nel 2019.

In questo contesto l’Europa cerca una strategia unitaria per far fronte a questo periodo di emergenza, soprattutto per evitare ricadute disastrose per imprese e famiglie. Tra le ipotesi in campo: l’acquisto e lo stoccaggio congiunto di gas a livello europeo, sostegno all’attuazione delle politiche del Green deal, revisione del sistema di scambio delle quote di CO2.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 13 dicembre, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Inizieranno domani, nella Commissione Bilancio del Senato, le votazioni degli emendamenti sulla Legge di Bilancio 2022. Tra gli emendamenti segnalati dai Gruppi Parlamentari figurano diverse proposte che riguardano il mondo degli animali. Tra queste: l’emendamento Maiorino, volto alla riduzione dell’Iva per le spese veterinarie dal 22 al 10 per cento; l’emendamento Cirinnà, che introduce un Fondo di 10 milioni di euro per il 2022 per aiutare le persone in difficoltà a pagare le spese veterinarie per i propri animali; l’emendamento De Petris volto alla chiusura degli allevamenti da pelliccia, con la previsione di incentivi per la riconversione delle aziende; l’emendamento Unterberger per calmierare il costo dei farmaci generici; l’emendamento Russo per rifinanziare il Fondo in favore dei Comuni in difficoltà finanziarie o dissesto per la messa a norma e la costruzione di canili e/o rifugi.

Nella Commissione Agricoltura della Camera, invece, inizierà domani l’esame degli emendamenti alla pdl in materia di semplificazioni per il settore agricolo, nell’ambito del quale figurano emendamenti per estendere la caccia ( a firma Carretta, Ciaburro e altri).

Fuori dai Palazzi. Prende il via all’Università di Parma uno studio in silico, quindi senza l’utilizzo di animali, per l’ individuazione delle mutazioni del Covid-19, interamente finanziato dalla LAV. Speriamo che questo esempio virtuoso possa essere uno stimolo per le Istituzioni ad investire di più nella ricerca senza animali.

Buon ascolto…

INTERNAZIONALIZZAZIONE. QUALE SUPPORTO PER LE PMI?

PUNTATA DI MARTEDÌ 7 DICEMBRE, ORE 11.00

Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero e la promozione del Sistema Paese e Simone TOSELLI, Amministratore delegato di EDEN Bee.

ASCOLTA IL PODCAST

mmm

Nella ripartenza economica post-covid l’internazionalizzazione giocherà un ruolo cruciale per il nostro Paese, non solo per favorire la diffusione del Made in Italy all’estero, ma anche per rafforzare la ripresa in chiave turistica e culturale.

A confermarci questa prospettiva sono i recenti dati sull’export italiano, che nel periodo settembre 2020-agosto 2021 ha sfiorato i 500 miliardi di euro, superando i livelli pre covid. In questa prospettiva l’internazionalizzazione si presenta come una grande occasione per le PMI, settore maggiormente colpito dalla pandemia. Tanto il PNRR quanto la legge di bilancio 2022 prevedono misure volte a favorire la competitività delle imprese italiane sui mercati internazionali, come il rifinanziamento del Fondo rotativo a favore delle imprese italiane che operano sui mercati esteri, con 1,5 miliardi per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026.

Tuttavia, per entrare nel mondo del commercio globale non basta avere a disposizione delle risorse economiche, occorre una rete di contatti in grado di supportare le piccole imprese che per la prima volta tentano un approccio commerciale fuori i confini nazionali. In questo scenario, un ruolo fondamentale è svolto dalle Camere di commercio italiane all’estero e dalle Agenzie per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane che, specialmente negli ultimi anni, sono diventati importanti punti formativi per le PMI italiane che vogliono promuovere all’estero i loro prodotti.

Buon ascolto…

DECRETO ANTIFRODE. LE CRITICITÀ DELLE NUOVE REGOLE.

PUNTATA DI MARTEDÌ 7 DICEMBRE, ORE 12.30

Con il sen. Daniele MANCA, capogruppo PD nella Commissione Bilancio del Senato e Domenico MASSIMINO, vicepresidente di CONFARTIGIANATO.

ASCOLTA IL PODCAST

Lo scorso 11 novembre il Governo ha emanato il decreto-legge n. 157, c.d. “anti-frode” per far fronte al dilagante uso improprio dei bonus edilizi, che secondo l’Agenzia delle Entrate ha causato un danno erariale per 850 milioni di euro. A seguito di questo intervento normativo, dal 12 di novembre è richiesto il visto di conformità anche per la fruizione diretta del superbonus nonchè per l’utilizzo con cessione del credito e sconto in fattura per gli altri bonus. A destare maggiore preoccupazione tra gli operatori del settore è la retroattività delle misure prevista nel decreto, ma anche l’eccessiva burocratizzazione per i piccoli interventi. In entrambi i casi, il risultato è il medesimo: il blocco dei lavori già iniziati e la perdita di attrattività per le agevolazioni edilizie.

La partita sui bonus edilizi si giocherà nelle prossime settimane nella Legge di Bilancio, dal momento che lo scorso 24 novembre è stato presentato dal Governo un emendamento al disegno di legge di bilancio interamente sostitutivo del decreto 157. I parlamentari della maggioranza sono già a lavoro per definire degli aggiustamenti in maniera coordinata sia per le disposizioni riferite al superbonus sia a quelle relative al contenimento delle frodi, nell’ottica di salvaguardare le procedure in corso e non fare perdere credibilità ai bonus.

A monte di queste riflessioni c’è la consapevolezza che, terminato l’esame della legge di bilancio, occorre avviare una programmazione strutturale dei bonus in chiave di sostenibilità, rivedendo le attuali soglie su un arco temporale che accompagni tutta la realizzazione del PNRR. Non va dimenticato, infatti, che uno dei pilastri del NGEU riguarda la riqualificazione degli edifici, poiché circa il 40% delle emissioni climalteranti deriva proprio dai sistemi di riscaldamento delle nostre case. Un motivo in più per definire una normativa compiuta sulla riqualificazione edilizia ed energetica, capace di dare impulso all’economia nazionale e realizzare la fondamentale transizione ecologica.

Buon ascolto…

LA PAROLA AI SINDACI. SI RIPARTE DAL TERRITORIO – MONFORTE D’ALBA

Puntata di lunedì 6 dicembre, ore 19.00

Con Livio GENESIO, Sindaco di Monforte d’Alba e l’on. Flavio GASTALDI, deputato della Lega eletto nella Circoscrizione Piemonte 2 – Cuneo

ASCOLTA IL PODCAST

In questa puntata di LA PAROLA AI SINDACI siamo andati a Monforte d’Alba, in provincia di Cuneo. Un borgo medievale della Langa del Barolo, entrato a far parte nel 2018 dei Borghi più belli d’Italia. Un territorio ricco di storia, cultura, tradizioni, di eccellenze made in Italy, dove si respira un senso di comunità e partecipazione alla vita del luogo.

Nonostante queste peculiarità Monforte, come molti altri piccoli Comuni, soffre la mancanza tanto di servizi per i cittadini quanto di un adeguato numero di personale amministrativo. Con il Sindaco Livio Genesio e l’onorevole Flavio Gastaldi, anch’egli Primo cittadino del Comune di Genola, abbiamo cercato di fare il punto sulle priorità legislative necessarie per mettere in condizioni le amministrazioni comunali di poter supportare lo sviluppo del territorio e sostenere la cittadinanza. Un’azione necessaria soprattutto in questo momento, in cui tutti gli Enti locali sono chiamati a dare il meglio per l’attuazione del PNRR.

Le soluzioni ci sono: meno burocrazia; normativa differenziata per i piccoli Comuni, che non possono essere soggetti alle stesse regole dei grandi centri urbani; maggiore protagonismo dei sindaci, a cui vanno riconosciuti più poteri e responsabilità; maggiore concertazione con le amministrazioni ministeriali e le Istituzioni nazionali. Nei prossimi anni i sindaci si troveranno a gestire direttamente oltre 50 miliardi delle risorse del NGEU: occorre fare presto per non perdere questa occasione.

Buon ascolto…

ANIMALI & PALAZZI

Puntata di lunedì 6 dicembre, ore 12.00

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Inizierà domani nella Commissione Bilancio del Senato, l’esame degli emendamenti alla Legge di Bilancio 2022. Tra questi figurano diversi emendamenti che riguardano gli animali, concordati dall’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, in particolare per: il rifinanziamento del Fondo per il recupero della fauna selvatica, lo stop definitivo agli allevamenti di visoni, la riduzione dell’Iva per gli alimenti degli animali da compagnia e la detrazione delle spese veterinarie per gli animali.

ll Ministero degli Interni, invece, ha pubblicato la graduatoria degli aventi diritto relativa al bando da 10 milioni di euro per il contrasto al randagismo.

Sconcerto, invece, per le dichiarazioni della scorsa settimana rilasciate dal Ministro per la transizione ecologica, Roberto Cingolani, che aprono alla caccia selettiva dei lupi. Si attendono dei chiarimenti da parte del Ministro Cingolani, che domani sarà in audizione nelle Commissioni riunite Ambiente di Camera e Senato.

Buon ascolto…

LA STRATEGIA FARMACEUTICA EUROPEA.

Puntata di venerdì 3 dicembre, ore 15.00

FUTURO CHIAMA EUROPA con Luisa Regimenti, europarlamentare Gruppo PPE -Forza Italia.

Lo scorso 24 novembre il Parlamento europeo ha approvato una Risoluzione per una strategia farmaceutica europea. La Risoluzione ha messo in evidenza i punti critici di cui la Commissione Ue dovrà tenere conto nell’adozione della nuova strategia farmaceutica. In particolare, le problematicità più rilevanti riguardano: la resistenza antimicrobica, causata da un consumo eccessivo di medicali, soprattutto antibiotici; la dipendenza eccessiva della Ue dall’importazione dei principi attivi dei medicinali dall’estero: circa il 60-80% proviene, infatti, da Cina e India; gli effetti nocivi causati dal riversamento dei prodotti farmaceutici nell’ambiente, in particolare nel suolo e nell’acqua, che genera un impatto nocivo sugli animali selvatici, quali pesci, uccelli e insetti, ma anche sull’uomo, dal momento che tracce di medicinali vengono rilevati in concentrazioni inferiori anche nell’acqua potabile.

A complicare la situazione è frammentazione della legislazione tra gli Stati membri che, oltretutto, genera ritardi nell’immissione sul mercato di farmaci, discriminazioni tra cittadini europei nell’accesso agli stessi e disparità di prezzi. Da questo punto si vista, il Parlamento ha raccomandato alla Commissione di agire per armonizzare quanto più possibile le differenze tra Stati membri, nell’interesse precipuo dei cittadini.

La pandemia ha messo in evidenza i punti deboli del sistema sanitario e farmaceutico europeo, adesso è il momento di agire celermente per ricomporre la situazione nell’ottica di un’Europa più unita. Un podcast da non perdere, con notizie utili e interessanti sul nuovo approccio dell’Unione al sistema dei medicinali e allo sviluppo di terapie innovative.

Buon ascolto…